From 23 Feb 2022 to 27 Feb 2022
Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni

Le marionette georgiane del Teatro Gabriadze

al Teatro Goldoni

ramona-violetta

Save the date

Enter your e-mail address in order to be notified before the event.

Description

DAL TEATRO GABRIADZE LE MARIONETTE GEORGIANE ANIMANO IL PALCOSCENICO VENEZIANO CON RAMONA, LA STORIA TRAGICA DI DUE TRENI INNAMORATI

23>24 febbraio

ALFREDO E VIOLETTA – debutto in prima nazionale

25>27 febbraio

Spettacoli in lingua originale con sovratitoli

Dopo il successo di Tempest project per la regia di Peter Brook, al Teatro Goldoni continuano gli appuntamenti internazionali della Stagione Scenari senza confini che per il Carnevale porta a Venezia le originali marionette georgiane del Teatro Gabriadze: il 23 e il 24 febbraio va in scena Ramona, la storia tragica di due treni innamorati mentre da venerdì 25 a domenica 27 debutta in prima nazionale lo spettacolo Alfredo e Violetta.

Ramona è la tragica storia d’amore tra due treni. In una piccola stazione ferroviaria del Caucaso Ramona, una locomotiva capace di muoversi per soli 300 metri per volta, è in attesa del ritorno dell’eroico Ermon, una locomotiva partita per un lungo viaggio verso la Siberia. La loro separazione dura prima mesi, poi lunghi anni che gli eroi affrontano distanti l’uno dall’altra nella buona e nella cattiva sorte fino a quando un circo itinerante non arriva in città e la vita di Ramona cambia per sempre. Gli amanti lontani si incontreranno di nuovo, ma in quali circostanze? Riusciranno a ritrovare l’amore perduto?

Gabriadze è maestro nel mescolare umorismo a dolore straziante in uno stile teatrale unico ambientato in un mondo di figure animate e marionette misteriosamente umane.

La storia del Teatro di Marionette Gabriadze è iniziata nel 1981 con lo spettacolo Alfredo e Violetta, dove la storia di amore eterno, nota ai più grazie al romanzo di Alexandre Dumas (figlio) La signora delle camelie e all’opera di Giuseppe Verdi La traviata, trovava nuova linfa vitale grazie a Rezo Gabriadze. Quarant’anni più tardi, lo spettacolo torna in scena con una nuova versione che tuttavia lo storico fondatore non ha visto conclusa prima della sua scomparsa nel giugno del 2021. Durante il suo ultimo anno di vita Rezo Gabriadze riscrisse quasi interamente lo spettacolo, aggiungendoci nuovi personaggi e adattando l’ambientazione. Realizzò inoltre bozzetti per i personaggi e gli oggetti di scena che sono stati poi utilizzati come punto di partenza per realizzare le scenografie di questa nuova interpretazione dello spettacolo. Il lavoro iniziato da Rezo è stato completato dal direttore artistico del teatro, Leo Gabriadze, che ha dato vita a questa reinterpretazione.

Lo spettacolo è ambientato nella Tiblisi degli anni ’90, Alfredo è un astrofisico rifiutato da Violetta, che si allontana dalla sua città per partecipare ad un simposio in Italia. In Georgia scoppia la guerra civile mentre lui è ancora lontano e gli diventa impossibile tornare in patria. Alfredo è così obbligato a mantenersi cantando in strada; il suo pezzo forte è naturalmente Tbiliso, la nostalgica canzone in omaggio alla sua città natale.

Rezo Gabriadze è stato pittore, scultore, regista teatrale e cinematografico, drammaturgo e autore, la cui energia creativa è stata forza motrice per il teatro ed è stata in grado di rivitalizzare l’arte medioevale delle marionette rendendola parte indispensabile della cultura georgiana.

Prezzo
Free

Reach the event

E.g., 26/06/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Please wait...

Show dates details

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.