Chiesa di San Salvador

Ingrandisci l'immagine 360°

Secondo la leggenda, la fondazione della chiesa di San Salvador risale al VII secolo.  Gesù Cristo infatti sarebbe apparso in sogno al vescovo San Magno per indicargli il luogo  dove erigere una chiesa da dedicare a Lui stesso, Salvatore del mondo.

Secondo i documenti, la prima attestazione di San Salvador sarebbe invece  del 1141. In quell'anno, grazie all'iniziativa del pievano Bonfilio Zusto, la chiesa veniva trasformata da parrocchiale a collegiata riformata, e vi fu costruito a fianco un convento di canonici canonici votati alla regola di Sant'Agostino

A partire dal 1506 il priore Antonio Contarini promosse la ricostruzione dell'intero complesso di edifici: chiesa, convento e abitazioni adiacenti.

I lavori iniziarono secondo il progetto ideato da Giorgio Spavento e proseguirono dapprima sotto la direzione di Tullio e Pietro Lombardo e infine con l'intervento di Jacopo Sansovino
Alcune iscrizioni documentano il progredire della costruzione: nel 1520 era conclusa la parte absidale, nel 1530 la cantoria, nel 1532 la porta laterale sulle Mercerie e nel 1534 era terminato l'altar maggiore, sul cui fastigio si staglia la statua del Salvatore.
La facciata fu invece terminata molto tempo dopo, nel 1663, ad opera di Giuseppe Sardi. 
Il campanile risale al secolo XIV e fu restaurato o più semplicemente portato a termine alla fine dell'Ottocento.

Nel 1807, con l'avvento di Napoleone, la canonica di San Salvador fu soppressa. I suoi beni passarono al demanio e il monastero fu convertito in caserma, mentre la chiesa divenne parrocchiale, sotto la giurisdizione del patriarcato di Venezia.

 

Secondo la leggenda, la fondazione della chiesa di San Salvador risale al VII secolo.  Gesù Cristo infatti sarebbe apparso in sogno al vescovo San Magno per indicargli il luogo  dove erigere una chiesa da dedicare a Lui stesso, Salvatore del mondo.

I documenti attestano invece che la chiesa risale al 1141. In quell'anno, grazie all'iniziativa del pievano Bonfilio Zusto, la chiesa veniva trasformata da parrocchiale a collegiata riformata, e vi fu costruito a fianco un convento di canonici canonici votati alla regola di Sant'Agostino. 
A partire dal 1506 il priore Antonio Contarini promosse la ricostruzione dell'intero complesso di edifici: chiesa, convento e abitazioni adiacenti.
I lavori iniziarono secondo il progetto ideato da Giorgio Spavento e proseguirono dapprima sotto la direzione di Tullio e Pietro Lombardo e infine con l'intervento di Jacopo Sansovino
 
Alcune iscrizioni documentano il progredire della costruzione: nel 1520 era conclusa la parte absidale, nel 1530 la cantoria, nel 1532 la porta laterale sulle Mercerie e nel 1534 era terminato l'altar maggiore, sul cui fastigio si staglia la statua del Salvatore.
La facciata fu invece terminata molto tempo dopo, nel 1663, ad opera di Giuseppe Sardi
Il campanile risale al secolo XIV e fu restaurato o più semplicemente portato a termine alla fine dell'Ottocento.
Nel 1807, con l'avvento di Napoleone, la canonica di San Salvador fu soppressa. I suoi beni passarono al demanio e il monastero fu convertito in caserma, mentre la chiesa divenne parrocchiale, sotto la giurisdizione del patriarcato di Venezia.
 
CURIOSITÀ
alla base della prima colonna sinistra della facciata, è conficcato un proiettile sparato dagli Austriaci il 6 agosto 1849 nel bombardamento contro la Repubblica di San Marco guidata da Daniele Manin.
 

 

Fonte e approfondimenti:

Chiesa di San Salvador

- Wikipedia

Booking.com

Sponsorizzato da

Please wait...

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.