30/05/2019 Ora 18:00
Galleria Arte Spazio Tempo

"HI, I’M HERE” (CIAO, SONO QUI)

Art Awareness – un’iniziativa globale

performance_hi_I_m_here

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

La performance, che si inserisce nell'ambito della mostra collettiva "Un tocco di zaffiro", si terrà all'interno dello spazio espositivo Arte Spazio Tempo di Venezia il 30 maggio 2019.
Essa, scritta ed interpretata dall'artista Tathi Piancastelli, è testimone della sua straordinaria capacità artistica e comunicativa e si configura come la prima performance artistica professionale realizzata da un'artista affetta da sindrome di Down

ART AWARENESS – Un’iniziativa globale: mostra “Un tocco di Zaffiro” + performance

HI I’M HERE” performance di Tathi Piancastelli

Arte Spazio Tempo

Campo del Gheto Novo, 2877, Cannaregio, Venezia 30121

L’artista Tathi Piancastelli presenta per la prima volta a Venezia la sua performance “HI, I’M HERE”, parte del progetto “Art Awareness – un’iniziativa globale”.

L’evento è organizzato dalla New York International Contemporary Art Society e da Saphira & Ventura Gallery.

Il progetto internazionale “Art Awareness –un’iniziativa globale”, è uno speciale programma, la cui missione è di inclusione sia sociale che politica, che raduna artisti attivisti che uniscono arte e impegno sociale. L’obiettivo del progetto è sottolineare come l’arte sia un valido strumento utilizzabile nel trattamento di innumerevoli difficoltà grazie alla fondamentale capacità di promuovere attività che costituiscono uno stimolo per l’inclusione sociale e per lo sviluppo della comunicazione su tali tematiche.

L’arrivo del progetto nella città di Venezia, sancito dalla performance di Tathi Piancastelli, sarà inaugurato il giorno 30 maggio alle ore 18 presso lo spazio espositivo Arte Spazio Tempo, Campo del Gheto Novo, 2877.

La mostra e la performance, la cui realizzazione è stata possibile grazie alla supervisione attenta della curatrice Alcinda Saphira, e dell’assistente curatrice Giorgia Teolato, propongono temi di sfide straordinarie tra cui primeggia il talento dell’attrice multimediale Tathi Piancastelli, la cui performance inaugura ufficialmente il programma di sensibilizzazione sulla Sindrome di Down.

HI, I’M HERE” (“CIAO, SONO QUI”) è scritta e realizzata da Tathi Piancastelli, artista affetta da Sindrome di Down; co-sceneggiata e diretta da Fabio Costa Prado. Essa si articola, come preannuncia il titolo, in una performance che vede l’artista, Tathi Piancastelli, in primo piano, la sua presenza di fronte ad un mondo che produce un’eco intensa. L’idea del progetto è emersa da una conversazione tra Tathi e Fabio, nella quale i due hanno esplorato i problemi che maggiormente affliggono Tathi, e hanno permesso alla sua realtà di venire rappresentata grazie al supporto di risorse teatrali; grazie ad esse si comunica con forza e autenticità ciò che più nel profondo esiste nel cuore di quest’artista pioneristica. La performance usa una serie di diverse sfere teatrali, come il teatro della fisicità e il teatro dei punti di vista, in combinazione con l’uso della narrazione, di effetti sonori e di illuminazioni, con l’intenzione di trasmettere creativamente cosa stia avvenendo nella mente dell’artista.

La performance propone diversi aspetti autobiografici per esplorare il viaggio di una donna affetta da Sindrome di Down in cerca di indipendenza e autonomia. Divisa in tre diverse parti in cui l’attrice, Tathi Piancastelli, si mescola con il suo personaggio teatrale, la performance immagina cronologicamente il futuro di questa donna di 35 anni. Il più immediato desiderio di vivere da sola porta alla luce voci in lotta tra loro che anelano nella sua mente. Per superare queste forze opposte, la donna si trova, 5 anni più tardi, a compiere il discorso di apertura del corso di Arti Perfomative dell’Università da lei frequentata. Tre anni dopo, una retrospettiva su tutte le sue relazioni culmina nel matrimonio, una rappresentazione allo stesso tempo metaforica e letterale di unione maritale, ma anche di comunione, che le permette di conquistare i suoi personali sogni di autonomia.

Biografia di Tathi Piancastelli

Tathi Piancastelli è una pioniera sotto diversi punti di vista. Realizza innanzitutto Web Show dai titoli “Ser Diferente” (“Essere Diversa”) e “Qué Sabe?!” (“Che ne Sai?!); è l’ispirazione per Tati, la protagonista con la sindrome di Down del fumetto brasiliano “Turma da Monica”; è il volto di numerose campagne pubblicitarie ed ambasciatrice della categoria di persone affette da questa sindrome. Il suo più grande traguardo però è stato scrivere e recitare il proprio spettacolo “Menina dos Meus Olhos” (“Mela dei miei Occhi”) che è stato la prima produzione professionale di uno spettacolo scritto da un’artista con Sindrome di Down. Esso ha permesso a Tathi di ottenere il premio Miglior Spettacolo nel Brasilian International Press Awards del 2016, oltre ad essere stata nominata Miglior Attrice. E’ stata recentemente ispirazione e modella di punta per l’esposizione fotografica di Nila Costa dal titolo “Inside Out” in cui è stata inserita nella serie “Generazione 21”, serie che fa luce sui traguardi di giovani persone affette da Sindrome di Down. Tathi è la prima persona con la Sindrome di Down negli Stati Uniti a ricevere una Visa O-1 per le persone con abilità straordinarie nei propri campi, nel suo caso, di artista.

Biografia di Fabio Costa Prado

Fabio Costa Prado ha studiato recitazione, sceneggiatura e regia presso l’HB Studio di New York City. E’ stato membro della compagnia teatrale HB Ensemble per due anni insieme alla quale ha fatto parte di spettacoli come “The American Clock” di Arthur Miller diretto da Austin Pendleton. Nel 2006 ha recitato nel premiato cortometraggio “Cabalerno” e nel 2011 lo si è visto protagonista nella collaborazione americana “Elliot Loves” superando oltre quaranta attori per il ruolo di Elliot Aiende. Fabio è stato il primo attore brasiliano nella storia cinematografica a recitare come protagonista in una produzione americana. Egli ha inoltre scritto e diretto lo spettacolo “Deceiving- truth has the structure of fiction” presso l’HERE Arts Center in New York. E’ ritornato a teatro nel 2004 ed è stato parte dello spettacolo “Menina dos Meus Ohos” scritto da Tathi Piancastelli. Nel 2017 Fabio è stato uno dei dodici sceneggiatori (su oltre 1200) selezionati dal Fondo Federale Brasiliano per lo sviluppo della sceneggiatura del Ministero della Cultura. Inoltre, egli ha scritto l’adattamento cinematografico “Menina dos Meus Olhos”, film che ha anche diretto. Nel 2018 è stato selezionato da un altro Fondo (FAC-GO) per scrivere e dirigere il cortometraggio ”Fale Conosco”. 

Photo Credit: Carla Grama, Gilberto Dadday 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 24/08/2019
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.