27/05/2016 Ora 21:30
Magazzini del Sale

Michiel Vandevelde_ Antithesis, the future of the image

Perfomance

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Antithesis, the future of the image

How do edited and manipulated images shape our gaze on the world?

Through the course of history, the role of written language has shifted: in the last decades (technical) images have increasingly taken the lead as the most powerful means of communication.

‘Antithesis, the future of the image’ asks the following questions: What are images? What is the future of the image? And what consequences might this have on the public sphere? Dancer Michiel Vandevelde proposes some theses and antitheses around these questions. The result is a performance where projected text battles against danced images and rearranged pop music. A literary-youtube-dance-documentary performance.

The performance is based on the principle of ‘reappropriation’: the reuse of certain pre-existing materials. The dance and music refer to popular video clips and pop music, the pictures refer to a publicity trailer of Levi’s, and the text consists of citations from philosophical and political texts.

Today, the public sphere is under pressure. As numerous images, words and ideas are being misused in function of financial profit, it is time to take things back. To reappropriate them by embodying them and by doing so, formulate a proposal for an alternative, transformed image culture.

Michiel Vandevelde is a Belgian dancer and choreographer. He graduated from the dance school P.A.R.T.S., Brussels. He regularly operates outside the borders of dance. In the frame of the ‘Stadsresidenten’ (city-residents) of Vooruit he founded a new political party: ‘The political party’. The solo ‘Antithesis, the future of the image’ marks a next step in Vandevelde's trajectory.

Language: English

CREDITS

Creation and dance: Michiel Vandevelde Feedback: Dries Douibi Graphic design: Ward Heirwegh Technique: Menno Vandevelde Text: Adam Curtis, Vilém Flusser, Jean-Luc Godard, Victor Hugo, Aldous Huxley, Neil Postman, Jacques Rancière, Anna Siegel, Michiel Vandevelde, Kristof van Baarle Residencies: Bains Connective, Het Bos, Vooruit and workspacebrussels Coproduction: Vooruit, in the frame of the European network DNA (Departures and Arrivals). Co-funding by: the Creative Europe Program of the European Union.

Thanks to: Clara Hermans, Charlotte de Somviele, Eleanor Campbell, Jan Dertaelen, Jeff Poak, Jana Tupivic, Jozef Wouters, Kristof van Baarle, Lana Willems, Lilia Mestre, Maarten Soete, Matthieu Goeury, Ruth Mariën, Steven De Belder and Toon Vandevelde.

http://www.michielvandevelde.be/

_____________ ITA _____________

Antithesis, the future of the image

In che modo le immagini modificate e manipolate formano il nostro sguardo sul mondo?

Nel corso della storia, il ruolo della lingua scritta ha subito uno slittamento: negli ultimi decenni le immagini (tecniche) hanno via via preso il comando come il più potente mezzo di comunicazione.

‘Antithesis, the future of the image’ pone le seguenti domande: Cosa sono le immagini? Qual è il futuro delle immagini? E quali conseguenze potrebbe avere questo sulla sfera pubblica? Il danzatore Michiel Vandevelde propone alcune tesi e antitesi attorno a queste domande. Il risultato è una performance in cui proietta battaglie di testo contro immagini danzate e musica pop riarrangiata. Una literary-youtube-dance-documentary performance.

La performance si basa sul principio di 'riappropriazione': il riutilizzo di alcuni materiali preesistenti. La danza e la musica si riferiscono alle clip video e alla musica pop, le immagini si riferiscono a un trailer pubblicitario di Levis, e il testo si compone di citazioni da testi filosofici e politici.

Oggi, la sfera pubblica è sotto pressione. Come numerose immagini, parole e idee sono sviate in funzione del profitto finanziario, è il momento di riprendersi le cose. Riappropriarsene inccarnandole per formulare una proposta alternativa, una cultura dell’ immagine trasformata.

Michiel Vandevelde è un ballerino e coreografo belga. Si è diplomato alla scuola di danza P.A.R.T.S. a Bruxelles. Egli opera regolarmente al di fuori dei confini della danza. Nella cornice del 'Stadsresidenten' (città-residenti) di Vooruit ha fondato un nuovo partito politico: 'Il partito politico'. Il solo ' Antithesis, the future of the image’ segna un passo successivo nella traiettoria di Vandevelde.

Lingua: inglese

CREDITI

Creazione e danza: Michiel Vandevelde Feedback: Dries Douibi Graphic design: Ward Heirwegh Tecnica: Menno Vandevelde Testi: Adam Curtis, Vilém Flusser, Jean-Luc Godard, Victor Hugo, Aldous Huxley, Neil Postman, Jacques Rancière, Anna Siegel, Michiel Vandevelde, Kristof van Baarle Residenze: Bains Connective, Het Bos, Vooruit and workspacebrussels Coproduzione: Vooruit, in the frame of the European network DNA (Departures and Arrivals). Co-funding: the Creative Europe Program of the European Union.

Grazie a: Clara Hermans, Charlotte de Somviele, Eleanor Campbell, Jan Dertaelen, Jeff Poak, Jana Tupivic, Jozef Wouters, Kristof van Baarle, Lana Willems, Lilia Mestre, Maarten Soete, Matthieu Goeury, Ruth Mariën, Steven De Belder and Toon Vandevelde

Raggiungi l’evento

esempio: 15/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.