SULLE TRACCE DI TIZIANO VECELLIO

tiziano_autoritratto

ITINERARIO SULLE TRACCE DI TIZIANO VECELLIO

Arrivato a Venezia sul finire del Quattrocento dalle montagne del Cadore, dove era nato, il giovane Tiziano trovò fin da subito lo spazio ideale in cui crescere e far emergere il suo genio.

Nella città lagunare operavano in quel periodo artisti del calibro di Gentile e Giovanni Bellini (nella cui bottega lavorò), Carpaccio, Cima da Conegliano, Sebastiano Lotto e il Giorgione, con il quale instaurò un fecondo dialogo pittorico, fatto di vicendevoli influenze e contaminazioni stilistiche.

Il riconoscimento del suo talento gli assicurò prestigiose commesse e la sua carriera raggiunse l’apice nel 1516, quando divenne il ‘pittore ufficiale della Serenissima’.
Fu maestro di una tecnica potente e dall'inconfondibile cifra.

Le sue pennellate ‘vigorose e sporche’ trasferivano, con formidabile densità materica, luce e colore sulla tela rendendo intense e drammatiche le figure e le scene che dipingeva.

Ecco l’elenco dei luoghi dove ammirare alcuni dei capolavori di quello che è considerato il più grande pittore veneziano del Cinquecento.

  • Chiesa di santa Maria della Salute

Caino e Abele (1542-1544) 

 Sacrificio di Isacco (1542-1544)

San Cristoforo (1523 circa)

  • Gallerie dell'Accademia

La Pietà (1575 circa)

  • Chiesa dei Gesuiti

 

Martirio di San Lorenzo (1548 – 1559 circa)

Annunciazione (1522 circa)

  • Chiesa di santa Maria Gloriosa dei Frari

Assunta (1516-1518).

  • Chiesa di san Lio

San Giacomo apostolo (1565 circa) 

San Nicola di Bari 1563

  • San Giovanni Elemosinario

San Giovanni Elemosinario (1545 – 1549 circa)

La Sapienza (1559 – 1560 circa) 

  • Chiesa di san Salvador

Trasfigurazione di Cristo (1560 – 1563 circa) 

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.