Casina delle Rose a Venezia

Da studio di Antonio Canova a dimora di Gabriele D'Annunzio

casina-delle-rose-venezia

Di fronte a Palazzo Venier dei Leoni, sede della Fondazione Guggenheim, e accanto a Palazzo Corner, sorge una casetta bassa chiamata Casetta Rossa o anche Casina delle Rose.

Antonio Canova ebbe qui lo studio ove modellò per il Pisani, prima di partire per Roma, il gruppo "Dedalo e Icaro", (ora al Museo Correr) che gli assicurò fama e fortuna.
Fu anche la dimora veneziana di Gabriele D’Annunzio, che così la descrive in Il Fuoco:

"La casa del principe Hohenlhoe. Deliziosa. È a San Maurizio, con un piccolo giardino davanti. È piccola, quasi una casa di bambola. Tutta rossa di fuori".

Il poeta lasciò l’abitazione nel 1918, non dopo aver piantato a imperituro ricordo un melograno, pianta che lui amava moltissimo e che è spesso presente nei suoi romanzi, che ancora si può veder fiorire e fruttificare nel piccolo e curatissimo giardino affacciato sul Canal Grande.

La casetta era stata costruita dall’architetto Domenico Rupolo per conto del principe austriaco Fritz Hohenlohe-Waldenburg e della moglie Zina che qui abitarono fino allo scoppio della Grande Guerra.
Era abitualmente frequentata da artisti, letterati, politici e uomini di cultura, tra i quali:

  • il barone Giorgio Franchetti
  • il conte Giuseppe Primoli
  • il pittore Mariano Fortuny y Madrazo
  • il poeta Henri De Regnier
  • Rainer Maria Rilke
  • Hugo von Hofmannsthal
  • Eleonora Duse
  • Gabriele D’Annunzio

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.