27/02/2016 Ora 18:00
Palazzo Loredan

ViruX Landscape.

Esposizione

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Esposizione presso Palazzo Loredan dal 27 febbraio al 1 maggio 2016

Progetto dell'esposizione Caterina Tognon, Venezia

Nel magico ambiente di Palazzo Loredan, Caterina Tognon presenta l'ultimo lavoro di Maria Grazia Rosin: 
I Boreali 2016, coppia di sospensioni luminose in vetro blu notte, ispirate a organismi fitomorfi e caratterizzate da lunghi bracci modulari fluttuanti nell'aria, protesi gli uni verso gli altri. La materia dell'opera, opaca, trasparente o traslucida è sottoposta a interventi di satinatura e specchiatura che rendono un effetto spaesante e misterioso. Il lavoro è stato realizzato nella fornace Anfora con il maestro vetrario Andrea Zilio, insignito del Premio Glass in Venice 2013.
Insieme a I Boreali saranno in mostra diverse serie di lavori progettati dall'artista dai suoi esordi e prodotti a Murano.
Folpo (sospensione luminosa, 2000/2008), in dialetto veneziano per polpo, ha per sua natura una forma che immediatamente rimanda al tradizionale lampadario veneziano. Vi è persino un legame linguistico tra il polpo e la pratica muranese: i maestri vetrai sono soliti chiamare folpi gli oggetti malfatti. Ossessione Tentacolare (2004/2016) oggetti per la tavola in vetro e ceramica la cui ispirazione esalta le caratteristiche della specie degli invertebrati, caratterizzati da forme tentacolari e ventose. Si tratta di un soggetto tipico e ricorrente nell'arte vetraria veneziana ma che Rosin reinterpreta in maniera geniale.
Venussiani (serie 1999) bulbi in vetro che si sviluppano in sensuali florescenze, voraci valve e macroscopici pistilli, di ispirazione fitomorfa.
 Detergens (1992/2016) bottiglie in pasta vitrea colorata, esemplate su quelle dei detersivi in commercio, la cui funzione specifica è cancellata, l'oggetto vive in virtù della sua immediata valenza rappresentativa neo-pop .
Gelatine LUX (2007/2010), corpi luminescenti e fluttuanti che appaiono da un visionario fondo marino e Ice-ViruX (2009) suggestioni dedicate a virus preistorici, estrapolati dal ghiaccio artico mediante i carotaggi del pack e rianimati in laboratorio. Nugolo di elementi sospesi che alludono a una nevicata di cristalli, costituita di evanescenti creature biancastre e argentee.

 

Informazioni aggiuntive

Entrata libera

Raggiungi l’evento

esempio: 16/12/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.