Dal 08/02/2019 al 08/02/2019
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

L’ABBRACCIO DEL RICORDO

"GIORNO del RICORDO” all’ATENEO VENETO

abbraccio_ricordo

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

"GIORNO del RICORDO” 2019  all’ATENEO VENETO
Ateneo Veneto, Comune di Venezia, Associazione culturale Mondonovo e Atelier Teatrale Carro Navalis
con il contributo dell’Associazione Nazionale Esuli Venezia Giulia e Dalmazia

Venerdì 8 febbraio 2019 - Aula Magna dell'Ateneo Veneto
ore 11.00 riservato per le scuole
ore 17.30 per il pubblico

Conferenza-spettacolo
L’ABBRACCIO DEL RICORDO                      
con Marzia Bonaldo, Michele Naletto, Camilla Grandi, Enzo Pavan

L’attenzione verso una pagina di storia italiana poco conosciuta e dimenticata per oltre 50 anni. Si tratta di quella “delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata e delle complesse vicende del confine orientale”, come spiega il testo della Legge sul “Giorno del Ricordo” istituito dal Parlamento nel 2004. Attraverso alcuni quadri che seguono un sottile filo cronologico, con un’efficace commistione di parole e di musica dal vivo (violino e fisarmonica), lo spettacolo racconta la storia di un popolo, dalle sue lontane origini agli ultimi due secoli che hanno visto il nazionalismo fomentare le contrapposizioni e stravolgere quel microcosmo fatto di culture diverse che si era sviluppato in tanti secoli sotto la Serenissima.

Lo spettacolo “L’abbraccio del ricordo” ha visto il contributo e il coinvolgimento dell’ANVGD Venezia sia per la coproduzione del progetto che per la consulenza storico/drammaturgia grazie anche alle testimonianze dirette degli esuli.

Sono stati realizzati una serie di quadri che descrivano i fatti salienti della storia del confine orientale, ancora poco conosciuta tra il pubblico dei più, chiarendone anche i passaggi fondamentali che hanno portato all’esilio di massa e alla tragedia degli infoibati.

Lo strumento del teatro si presenta quindi strumento utilissimo per far sì che l’argomento trattato sia di immediata comprensione, senza banalizzarne i contenuti.

Lo spettacolo è composto da tanti singoli quadri:

1)      Le tre fate dell’Istria: l’interno di una casa, un focolare e la mamma che racconta al suo figliuolo la leggenda: “…così - conclude la mamma - le tre buone fate regalarono alle popolazioni dell’Istria i loro miracolosi prodotti, facendone la ricchezza e la sapienza lavorativa: il vino, il granturco, l’olio, il sale e il pesce”.

2)      Il dramma dei figli delle famiglie istriane che vengono mandati a combattere

3)      Gli interrogatori da parte delle forze comuniste, i maltrattamenti, la Foiba Grande come unico finale

4)      Le ragioni dell’Esodo: 1945/1947.

5)      L’Esodo di Pola: come cambia la vita sociale delle genti istriane, cosa cambia nelle case, perché ci sono persone che restano e persone che decidono di andare. Anche all’interno dello stesso nucleo famigliare accade che il marito voglia rimanere e la moglie invece voglia andare.

6)      I profughi. Quali le condizioni dopo l’Esodo, i campi, i beni sequestrati e mai restituiti, gli effetti personali ancora depositati in un magazzino a Trieste.

Filo conduttore dello spettacolo sono i rapporti umani, interpersonali, che il contesto e la guerra ha creato. Il singolo individuo coinvolto è all’origine del cambiamento di quello che prima era un insieme di individui, un popolo, che condivideva un territorio, una cultura, una lingua.

Lo spettacolo delle 17.30 è a ingresso libero.

Quello delle ore 11.00 è riservato alle scuole prenotate

 

Per info:
Ass. Mondonovo Teatro
Tel. 041.998662    Cell. 3395260442
info@mondonovo.itwww.mondonovo.it
Facebook Mondonovo Teatro

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 18/04/2019
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.