Dal 02/07/2016 al 02/07/2016
Conservatorio di Musica "Benedetto Marcello"

Erik Satie

erik-satie

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Negli spazi del Conservatorio Benedetto Marcello si celebra Erik Satie nel 150° anniversario della nascita, per iniziativa dell’associazione culturale Musica Venezia, diretta da Roberta Reeder, con la collaborazione del Conservatorio, dell’Archivio Carlo Montanaro, di Tocnadanza Compagnia Venezia e dell’Alliance française Venise.

L’evento speciale “Erik Satie” che si terrà nel corso della giornata del 2 luglio è un insieme di tre spettacoli diversi che si ripeterà alle ore 11 e alle 17: un percorso dedicato al mondo artistico del compositore francese, in cui la sua musica, rivoluzionaria al tempo per assoluta semplicità espressiva e chiara tessitura, si intreccia e conversa con cinema, musica, e danza.

PROGRAMMA

- Primo evento: film (1° piano)
“Entr’Acte” di René Clair (film muto 1924)
da Relache per pianoforte a quattro mani” (Redazione di Darius Milhaud)
Introduce: Carlo Montanaro

Il primo evento è il film “Entr’acte”, un’opera di avanguardia creato come un intermezzo tra gli atti del balletto Relâche. La pellicola sarà presentata da Carlo Montanaro, e la musica composta da Satie per questo film sarà eseguita in una versione per pianoforte a quattro mani di Milhaud, da Francesco Bencivenga e Alessia Toffanin.

- Secondo evento: concerto (2° piano)
"Cabaret Satie"
Les chansons per café-concert e la musica per pianoforte solo e a quattro mani

Il secondo evento, “Cabaret Satie”, vede Arianna Cimolin cantare alcune celebri canzoni scritte quando il compositore frequentava, come pianista, famosi cabaret come Le Chat Noir e L’Auberge du Clou; Francesco Bencivenga eseguirà per pianoforte alcuni brani tratti da “Sports et divertissements”, con la proiezione di disegni che Charles Martin creò e una recitazione da Stefano Menagus delle poesie di Satie.

- Terzo evento: danza (5° piano)
"Le stanze di Satie"
Compagnia Tocnadanza Venezia
Coreografia e regia: Michela Barasciutti
Danzatori: Ambrose Laudani, Giulio Petrucci, Marta Zollet
Pianoforte e violino

La chiusura è riservata alla premiere di danza “Le Stanze di Satie”, creata da Michela Barasciutti, coreografa e direttore di Tocnadanza: una immersione profonda nella complessa sensibilita dell’artista. L’opera sarà eseguita da Ambrose Laudani, Giulio Petrucci, e Marta Zullet, accompagnati dai due pianisti e Anna Trentin, violino.

Erik Satie (Honfleur 1866 – Parigi 1925) fu un compositore importante nella storia della musica per le sue innovazioni. La semplicità del suo stile fu una rivoluzione per la musica francese, dominata in quel periodo dalle armonie complesse e dalle intrecciate melodie di Wagner, che richiedevano gruppi orchestrali imponenti. Satie, rivolgendosi a Debussy, sosteneva quanto fosse importante dissociarsi dall’avventura wagneriana, anche come rivendicazione nazionalistica ma egli non credeva, tuttavia, che la risposta si trovasse nel romanticismo impressionistico dell’amico, convinto che l’impressionismo fosse una strada senza uscita. La principale caratteristica dello stile di Satie è l’economia dei mezzi, la semplicità dell’espressione musicale e la chiarezza della tessitura. Le sue musiche sono composte da brevi frasi melodiche e ritmiche, ripetute senza sviluppo, con passaggi improvvisi da una frase musicale ad un altra senza alcuna transizione.
 

Prezzo
Informazioni aggiuntive

Biglietto: € 12 call center +39 041 2424

Prenotazione: consigliata

1° recita: h. 11.00
2° recita: h. 17.00

Raggiungi l’evento

esempio: 23/09/2020
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.