22/09/2018 Ora 21:00
Batteria Ca' Bianca Angelo Emo

"Céline" liberamente tratto da "Viaggio al termine della notte"

celine-viaggio-termine-notte

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

"CELINE" liberamente tratto da "VIAGGIO AL TERMINE DELLA NOTTE di Louis Ferdinand Céline" con e di Andrea Pergolesi, regia Giulio Boato a cura del collettivo DOYOUdaDA


SINOSSI
Lo spettacolo prende spunto dall’opera più celebre di Louis Ferdinand Céline: Viaggio al termine della notte. Il romanzo narra in modo crudo ed efficace le atrocità della Prima Guerra Mondiale, dipingendone un affresco impietoso. Il Viaggio è un testo cupo e cinico che cela però, sotto il fango delle disastrose esperienze umane, un’enorme voglia di vivere e amare. Céline scrive: “Ti sei mangiato tutta la poesia, visto che hai vissuto fino a questo punto”.
Questo spettacolo vuole riscattare l’autore, pur rispettandone lo stile: la poesia non è finita,ne è rimasto, se non altro, un boccone. Il teatro ci permette di ritrovarla, scavando sotto lo sporco.

AMBIENTAZIONE

Lo spettacolo sarà ambientato in una delle fortificazioni Veneziane ottocentesche che sono state teatro dei due conflitti mondiali, le due giornate saranno dedicate alla riscoperta della storia del luogo grazie alla partecipazione di testimoni ancora in vita e la guida di due esperti di storia delle fortificazioniI.

La batteria Ca’ Bianca, ora situata nel tessuto urbano dell’omonimo quartiere, venne costruita dall’Impero Austro- ungarico, nella prima metà dell’Ottocento. Fu trasformata e potenziata a partire dal 1880 dal Regno d’Italia con l’installazione di sei pezzi a retrocarica (24 mm) in barbetta. Tra il 1910 e il 1913, sorse, accanto alla vecchia batteria Casabianca, il forte Emo, massiccia costruzione in calcestruzzo alla quale fu imposto il nome di Angelo Emo, Ammiraglio della Repubblica, che fu l’ultimo Capitano da Mar della Serenissima. Tale batteria corazzata fu armata con enormi cannoni in torri singole girevoli (mod. 305/50), accanto ad altri di minor gittata.
Dopo l’8 settembre, i tedeschi disseminarono le spiagge del Lido di bunker , alcuni dei quali, di dimensioni mastodontiche, trovarono spazio all’interno della ridotta area Casabianca/Emo.”

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 15/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.