29/01/2023 Ora 16:30
Teatro Toniolo

Carlo & Giorgio “Senza skei”

replica straordinaria

senza-skei

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

“I COMICI”: CARLO & GIORGIO, REPLICA STRAORDINARIA DI“SENZA SKEI” IL 29 GENNAIO AL TEATRO TONIOLO DI MESTRE

Replica straordinaria al Teatro Toniolo di Mestre, domenica 29 gennaio (ore 16.30), per lo spettacolo di Carlo & Giorgio “Senza skei”.

Esaurite le due date del 27 e 28 gennaio, vista la grande richiesta è stata aggiunta una terza replica.

Le prevendite per la nuova data aprono domani, martedì 10 gennaio, presso la biglietteria del Teatro Toniolo; i biglietti si possono acquistare anche online e nei punti vendita del circuito VIVATICKET (lista completa su www.dalvivoeventi.it).

La biglietteria del Teatro Toniolo è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 15:00 alle ore 19:00. Lunedì chiuso. Info (in orario di apertura): 349.7723552.

Biglietti: platea € 25,00 + d.p. - galleria € 22,00 + d.p.

“Senza skei” è parte di "È Sempre Una Bella Stagione - I Comici 2022.23", il cartellone del Teatro Toniolo di Mestre promosso dal Settore Cultura del Comune di Venezia in collaborazione con DalVivo Eventi che vede protagonisti i migliori artisti del panorama nazionale con i loro nuovi lavori.

Uno spettacolo nato in TV

“Senza Skei” nasce dalla fortunata striscia televisiva andata in onda da novembre 2021 a maggio 2022 sulle frequenze di Antenna3 Nordest. Lo spettacolo affronta, tra riflessioni e risate, vari aspetti di questa epoca inquieta che ha messo a dura prova molti di noi, anche dal punto di vista economico. Una sorta di tutorial per resistere in un mondo completamente stravolto. Ecco allora commercianti e professionisti, avvocati, piccoli imprenditori, che si ritrovano ad essere i nuovi poveri di oggi, in coda alle mense Caritas. Bar, negozi e piccole attività che chiudono, le nostre piazze senza più i negozi tradizionali e i residenti. La nostra quotidianità costretta ad adattarsi al digitale, perfino nelle parrocchie, ormai costrette ad inseguire le nuove tendenze e ricercare più follower che fedeli. E ancora, i costi della macchina che sono diventati troppo alti e siamo costretti al trauma di risalire in autobus, o come il rapporto con la nostra banca si inverte al punto tale da sentirci noi rapinati.

E poi come questa pressione si ripercuote nei rapporti sociali: siamo esasperati dall’odio verso i nostri condomini, la coda alle poste e al supermercato è intollerante e aggressiva come una sfida da Formula 1...

Sono i paradossi esistenziali rivisti con l'ironia e l'autoironia che da quasi 30 anni contraddistinguono l'impronta artistica di Carlo & Giorgio. Come d’abitudine, quando i due attori veneziani sono sul palcoscenico si ride e si riflette al tempo stesso.

“Senza Skei” affronta questi aspetti con un allestimento scenico essenziale: una ambientazione astratta perché le situazioni si susseguono e si trasformano una nell’altra. Ma ciò che volutamente domina è il colore: dagli abiti ai pochi oggetti di scena, ai giochi di luce, tutto punta a trasmettere una sferzata di vivacità, un antidoto, come sempre può essere il sorriso, alla pesantezza che ci ha accompagnato in questi ultimi anni.

La grande capacità di Carlo & Giorgio, del resto, è quella di cogliere le esasperazioni delle nostre ansie, dei nostri comportamenti, smontandoli sotto la lente della comicità.

Ma come riescono a centrare anche questa volta l'obiettivo? “Facile: conosciamo il problema! Anche noi Senza Skei dobbiamo, come tutti, reinventarci ogni giorno e riderci su – dicono i due attori”.

Ed è proprio assecondando il barometro degli umori del loro pubblico che Carlo & Giorgio negli ultimi anni hanno modificato il loro repertorio, scrivendo e interpretando spettacoli imperniati sulle contraddizioni dei tempi moderni, sulla fatica di stare al passo con le innovazioni tecnologiche, sulla spersonalizzazione nei posti di lavoro, sui rapporti interpersonali che hanno perso spontaneità e genuinità, anche in una città come Venezia dove un tempo ci si conosceva tutti. Altro che “sempliciotti”, popolo dalle radici contadine solo “ora et labora”.

“È su queste tematiche che la risata liberatoria, l'applauso sincero scattano spontaneamente, come infallibili sensori - raccontano i due attori –”.

“Ai Veneti stanno sempre più stretti gli stereotipi con cui sono stati e vengono ancora identificati. Tradizionalisti, conservatori, diffidenti verso i ‘foresti’, lavoratori indefessi, anche un po' servili, tutti casa e impresa. E poi festaioli, sempre pronti alla convivialità a suon di ‘ombre’ di rosso, prosecco e spritz, visto che lo hanno inventato loro. I veneti non sono solo questo - constatano Carlo & Giorgio -. Nuove inquietudini si stanno affacciando nell'animo del popolo veneto e il compito di noi comici è quello di saperle cogliere, elaborare e proporre sul palcoscenico per sdrammatizzarle. Perché l'autoironia rimane comunque, questa sì, una caratteristica del nostro Dna”.

Prezzo

Raggiungi l’evento

esempio: 06/02/2023
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.