Dal 11/03/2022 al 21/05/2022
Laguna Libre
Palazzo Grimani
Combo

Etnoborder

a Venezia ritorna la musica etnica contemporanea

etnoborder-jazz

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Etnoborder, a Venezia ritorna la musica etnica contemporanea, con voci e suoni dal mondo

Dall’11 marzo, cinque appuntamenti fra Palazzo Grimani, Combo e Laguna Libre.

La musica etnica contemporanea risuona in Laguna grazie alla quinta edizione di Etnoborder, tra la Fondamenta Cannaregio, il cortile di Palazzo Grimani e la sale di Combo. Dall’11 marzo al 21 maggio, la rassegna firmata da Veneto Jazz esplora così le musiche del mondo, viaggiando dal Brasile ai Balcani fino al Medio Oriente.

“Il fascino del canto si fonde alla profondità di strumenti antichi in questa rassegna nata per esplorare la musica etnica contemporanea – spiega Giuseppe Mormile, direttore artistico di Veneto Jazz – Nel  programma ascolteremo la voce della cantante albanese  Hersi Matmuja, della pugliese Rachele Andrioli e della brasiliana Nilza Costa, assaporando generi musicali che, con repertori colti e popolari, passano dal Choro all’afro, dalla musica rom alle sonorità mediorientali. Insomma tante suggestioni che ci insegnano la ricchezza della diversità e delle contaminazioni”.

Primo appuntamento, venerdì 11 marzo, al Laguna Libre, con il Duo Hana che nasce dall'incontro tra la cantante albanese Hersi Matmuja e la liutista vicentina Ilaria Fantin. Con le voci, le percussioni e l'arciliuto, danno vita a un repertorio al tempo stesso dolce, ritmico e danzante, viaggiando nella musica tradizionale del mondo. A loro si unisce per questo progetto il sassofonista Maurizio Camardi per un itinerario musicale tra Italia, Grecia, Turchia, Albania, Spagna in cui si intrecciano con naturalezza la voce, limpida e dal timbro unico, le corde dell'arciliuto e i suoni dei flauti etnici (aperitivo-concerto alle 18.30 e cena- concerto alle 20.30).

Venerdì 22 aprile, sempre al Laguna Libre, in scena il duo Choro De Rua, promotore del choro, la raffinata musica strumentale brasiliana, formato dalla flautista italiana Barbara Piperno e dal chitarrista e mandolinista brasiliano Marco Ruviaro. Presenta i brani dell’ultimo album Santo Bálsamo, fra modernità e tradizione, un’occasione per ascoltare l’originale genere musicale (aperitivo-concerto alle 18.30 e cena- concerto alle 20.30).

Sabato 14 maggio (ore 18.30), nella sede di Combo, Rachele Andrioli, una delle artiste più apprezzate della scena della nuova musica popolare italiana. L’estremo lembo del Salento, dove finisce la terra e inizia il grande mare, è al centro del suo spettacolo solista “Leuca”. Grazie alla sua voce dal timbro unico e all’inserimento di strumenti musicali come il marranzano, l’ukulele, il bendir, il flauto armonico, e all’utilizzo sapiente di macchine più innovative come la loop station, Rachele Andrioli gestisce la scena evocando rituali ancestrali che rapiscono lo spettatore portandolo in un luogo altro, denso di suggestioni e colori. Rachele è da sola in scena per costruire insieme al pubblico la magìa di uno spettacolo denso di emozioni e ritmo.

Venerdì 20 maggio, al Laguna Libre,  Nilza Costa con Daniele Santimone (chitarre elettriche e a sette corde), Roberto"Red" Rossi (batteria, percussioni e vocali) e Mauricio Piancastelli (tromba, effetti e tastiere).  Cantante, autrice e compositrice brasiliana di Salvador (Bahia), unisce i ritmi ancestrali d’Africa con le forme tradizionali della cultura musicale e religiosa brasiliane (quali il Candomblé, la Capoeira, Samba Duro, Maculelê e la Cantigas de Roda), trasfigurandosi nel suo canto in un linguaggio artistico estremamente originale e improvvisato. Presenta “Le Notti Di San Patrizio. Distorçao Do Tempo", nuovo album che raccoglie otto brani inediti, prodotti ed arrangiati da Roberto Red Rossi.

Sabato 21 maggio (ore 18.30), nella splendida cornice di Palazzo Grimani, il Gafarov Ensemble, con Fakhraddin Gafarov  (tar,oud,ney, balaban, voce), Simone Amodeo (bendir, daff, zarb, darbuka, nagarà), Davide Marzagalli (alto sax, clarinetto, darbuka).  L’ensemble  propone un repertorio sia colto che popolare, di musiche raccolte in diversi paesi medio orientali tra i quali Azerbaijan, Iran, Turchia, Afghanistan, l'area dei Balcani e il patrimonio ricchissimo della musica rom. Fondato e diretto dal Maestro Fakhraddin Gafarov, il gruppo utilizza strumenti tradizionali a corde pizzicate, a fiato, ad arco e a percussione. La ricerca musicale si sviluppa tra Oriente e Occidente attraverso meditazione e danza, purezza del suono e ritmi coinvolgenti. Le melodie sono onirici viaggi in luoghi ancestrali della memoria, perle di semplicità e saggezza, così come il ritmo suggerisce “antichi riti e danze sensuali”.

La rassegna Etnoborder è organizzata da Veneto Jazz in collaborazione Polo Museale del Veneto, Combo Venezia e Laguna Libre.  Partner istituzionali: Ministero della Cultura, Regione del Veneto, Città di Venezia. Media partner. VeneziaNews.

Biglietto concerto Combo (comprensivo della prima consumazione)

Intero 15 € + diritto di prevendita

Ridotto 12 € + diritto di prevendita (residenti Città Metropolitana di Venezia, under 26, over 65)

Prevendite: VeneziaUnica

Biglietto concerto Palazzo Grimani (comprensivo della visita al palazzo)

Intero 18 € + diritto di prevendita

Ridotto 14€ + diritto di prevendita (residenti Città Metropolitana di Venezia, under 26, over 65)

Prevendite: VeneziaUnica

 

Prezzo
Informazioni aggiuntive

Laguna Libre | Fondamenta Cannaregio, 969
1° set ore 18.30 con aperitivo – maggiorazione 10 euro sulla prima consumazione obbligatoria
2° set ore 20.30 con cena – maggiorazione 10 euro sulla cena a menu fisso
Prenotazione, prevendite, dettagli menu e regole di accesso:
www.lagunalibre.it - tel. 041-2440031

INFORMAZIONI:
Veneto Jazz - mob. (+39) 366.2700299 – jazz@venetojazz.com - www.venetojazz.com

Raggiungi l’evento

esempio: 10/08/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.