29/05/2021 Ora 18:00
Conservatorio di Musica "Benedetto Marcello"

CONCERTO VENEZIA PORTA D’ORIENTE

La musica e la Via della seta: un viaggio nel mondo musicale dei Balcani, del Medio Oriente, del Caucaso

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Il programma del concerto che presenteremo questa sera è la prosecuzione del cammino sulla via della seta che gli studenti del nostro Conservatorio di Musica hanno iniziato frequentando il primo seminario e concerto pubblico nel 2016 per giungere ora nel 2021 alla quarta edizione.

L’intento didattico che ha orientato il lavoro è volto a studiare e approfondire aspetti complessi e fondamentali di linguaggi musicali del Medio Oriente quali la melodia e il ritmo che non hanno mai conosciuto quel concetto di “armonia” proprio del modello occidentale; un particolare riguardo è stato dedicato alle documentate o ipotizzabili connessioni con le nostre antiche prassi esecutive.

Questi i principali argomenti trattati: l’origine dei sistemi musicali del bacino del Mediterraneo orientale nella storia, nel mito e nella cosmogonia; l'ochtoichos greco ed i modi gregoriani con osservazioni sulle similitudini, differenze e possibili rapporti attraverso la storia; il fenomeno del maqam (ichos); similitudini e differenze tra i sistemi greco, turco, arabo e persiano; l'intonazione, i microintervalli, il cosiddetto “quarto di tono”, l'improvvisazione, il fenomeno del taqsim (dromos), l'ornamentazione e il rapporto tra la trasmissione orale e la scrittura musicale; la notazione “descrittiva” e quella “prescrittiva”.

Le musiche "orientali" classiche, sacre, profane e anche popolari, sono l'archeologia della memoria. Numerose stratificazioni successive storico/ culturali in nessuno singolo strato possono mostrare la complessità della natura dell’essere sonoro di quel mondo. Per questo motivo ci siamo proposti di redigere un programma il più possibile variegato che metta in risalto tutte le oscillazioni ed influenze reciproche, disseminate tra la geografia e la storia ma così vicine all'anima dei popoli che quelle terre abitano e che risultano sorprendentemente affascinanti anche per l’ascoltatore occidentale dei nostri giorni.

Quest'anno ci saranno alcune sorprese e tra queste in primo luogo il poema cavalleresco amoroso Erotokritos, scritto nel XVII secolo in greco dal nobile veneziano Vincenzo Cornaro, messo in musica da anonimo, pubblicato a Venezia nel 1713 e mai eseguito, da quanto ci risulta, nella nostra città in tempi moderni.

 

 

Prezzo
Free
Informazioni aggiuntive

Programma

Erotokritos (testo di Vincenzo Cornaro, 1553 – 1614; musiche di anonimo)

Taksim zirguleli suznak / Yar, yar, aman (tradizionale turco)/ Stojanke bela (tradizionale serbo)/ Rumelai (tradizionale rom)

Hristos anesti en nekron (liturgico greco – bizantino, quinto modo, makam hussayni)

Shen Alazano (tradizionale georgiano)

Fasil Sabah (suite di brani nel modo sabah) – Taksim sabah / Gori gora (tradizionale bosniaco – dalmata) / Sabah Saz Semai (Zacharia Hanende, 1680 – 1740) / Mevlana (Osman Dede, 1640 – 1712) / Sabah ṣarki (Ṣakir Aga, 1775 – 1830) / Kaneloriza (tradizionale greco)

Katsivella (tradizionale greco)

Sassuni oror (tradizionale armeno)

Taqsim bayati / Jalla man qad sawwaraq / Billadi asqara (brani classici arabi)

Abun d’bashmaja (preghiera in aramaico, secondo modo, makam huzzam)

Vino mi se pie (tradizionale macedone, modo rast Beograd) / Nishka banja (tradizionale serbo, modo suznak)

 

 

Esecutori

Simona Gatto – canto, percussioni

Alice Petrin – canto, violino, percussioni

Vladimiro Cantaluppi – violino, boulgari

Gianluca Sia – saz, mandola

Davide Gazzato – liuto, percussioni

Benito Curcio – liuto

Michele Mancusi – santour

Massimo Restifo – clarinetto

Dario Sevieri – flauto

Raffaella Ortali – canto

Dima Bakri – canto

Edna Jurcan – canto

Karina Oganjan – canto

Francesca Argentieri – canto

Carlo Santi – viola da gamba

Federico Tommasi – viola da gamba

Canto, oud, direzione: Aleksandar Sasha Karlic

 

 

N.B. L’ingresso al concerto è libero ma è consentito solo previa prenotazione inviando un’e-mail all’indirizzo ufficio.stampa@conservatoriovenezia.eu indicando nome, cognome e recapito telefonico di ciascun richiedente.

Si ricorda che al momento dell'accesso in Conservatorio sarà rilevata la temperatura corporea e sarà richiesta la compilazione del modulo di autocertificazione relativo agli obblighi e le prescrizioni per il contenimento del contagio da Covid-19.

 

Raggiungi l’evento

esempio: 14/06/2021
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.