10/04/2022 Ora 18:00
Conservatorio di Musica "Benedetto Marcello"

Concerto in memoria di Edmondo Malanotte

Stefano Zanchetta violino, Massimo Somenzi pianoforte

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Domenica 10 aprile 2022 alle ore 18.00 nella Sala Concerti del Conservatorio di Musica Benedetto Marcello si terrà il Concerto omaggio a Edmondo Malanotte.

La celebrazione è stata istituita da Paola Malanotte in memoria del padre, docente di violino al Conservatorio a fine anni ’50, prematuramente scomparso. 

Malanotte fu uno dei fondatori dei Virtuosi di Roma di Renato Fasano ed ebbe con essi una fulgida carriera concertistica.

Oltre al concerto, la Dott.ssa Malanotte, docente di Oceanografia al MIT Massachusetts Institute of Technology negli USA, ha anche istituito una borsa di studio a sostegno di giovani e promettenti violinisti verranno premiati e si esibiranno in concerto sabato 9 aprile alle 18 sempre in Sala Concerti.

Domenica 10, a omaggiare Edmondo Malanotte ci saranno i Maestri Stefano Zanchetta al violino e Massimo Somenzi al pianoforte. In programma le Sonate di C. Franck e di M. Ravel.

L’ingresso è gratuito. Per poter assistere prenota a questo link: https://forms.gle/i6pjMeuNM7VEjyCy9

 

Programma

Maurice Ravel (1875 – 1937)

Sonata n. 2 in sol maggiore per violino e pianoforte

  1. Allegretto
  2. Blues. Moderato 
  3. Perpetuum mobile. Allegro 

César Franck (1822 – 1890)

Sonata in la maggiore per violino e pianoforte

  1. Allegretto ben moderato 
  2. Allegro 
  3. Recitativo-Fantasia: Ben moderato. Largamente con fantasia 
  4. Allegretto poco mosso 

_

Stefano Zanchetta, violino

Massimo Somenzi, pianoforte

 

 

Prezzo
Free
Informazioni aggiuntive

Edmondo Malanotte (Terni, 24/08/1912 - Padova, 13/10/1960)

Iniziati gli studi nel Liceo musicale della città natale, si diplomò con lode in violino nel Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli nel 1930 sotto la guida di Gaetano Fusella.

Nel biennio 1930-1932 frequentò il corso superiore di perfezionamento tenuto da Arrigo Serato nel Conservatorio di Santa Cecilia, e in entrambi gli anni gli fu assegnato il Premio di incoraggiamento del Ministero dell’educazione nazionale.

Con Serato si diplomò nel 1939 nell’Accademia Chigiana di Siena e nel 1941 nell’Accademia romana di Santa Cecilia.

Vinse nella II rassegna nazionale dei giovani concertisti di Roma (1936), nella Rassegna Stradivariana di Cremona (1937), nel Torneo nazionale violinistico di La Spezia (1937), nella II Rassegna nazionale dei giovani concertisti di Bologna (1938), nella Gara violinistica nazionale della Camerata Napoletana (1939), nell’Accademia Chigiana (1939-1940).

Nel 1933 vinse per concorso la cattedra di violino nel Liceo musicale “Morlacchi” di Perugia e dal 1941 insegnò alla Scuola di Musica della Filarmonica Laudamo di Messina. Giunse primo nel Concorso nazionale ministeriale del 1958 trasferendo la docenza al Conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia.

Tenne concerto in duo con numerosi pianisti tra i quali Eugenio Bagnoli, Giulio Cesare Brunelli, Mario Caporaloni, Gino Gorini, Arnaldo Graziosi, Piero Guarino, Gherardo Macarini Carmignani, Tullio Macoggi.

Nel 1940 fu invitato nella selezionatissima orchestra di solisti italiani diretta da Antonio Guarnieri per le celebrazioni paganiniane.

Fece parte del Quintetto Chigiano e fu solista del Collegium Musicmu Italicum (poi I Virtuosi di Roma), invitato da Renato Fasano find alla costituzione.

Con questo complesso tenne tournée e concerti in tutto il mondo, realizzò registrazioni radiofoniche e incisioni discografiche per la Cetra, Decca, Victor e La voce del padrone.

 

Raggiungi l’evento

esempio: 20/06/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.