27/04/2023 Ora 18:00
Conservatorio di Musica "Benedetto Marcello"

Concerto di Jean Louis Beaumadier e Veronique Poltz

Ottavino e pianoforte

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

PROGRAMMA

Leon de FONTBONNE (1858-1940) - Air varié

Johannes DONJON (1839-1912) - Mazurka

Camille SAINT-SAËNS (1835-1921) - “Ascanio”, air de ballet, variation de l’amour

Philippe GAUBERT (1835-1941) - Orientale e Soir su le plaine

 

pipeaux 1934:

Darius Milhaud, Exercice musical

Albert Roussel, Pipe

Henri Martelli, Mélodie

Francis Poulenc, Villanelle

George Auric, Scherzo

 

Henri TOMASI (1901-1971) - Concertino in mi minore

Claude ARRIEU (1903-1990) - Sonatine

Benjamin GODARD (1849-1895) - Valse         

Prezzo
Free
Informazioni aggiuntive
Biografia Jean-Louis BEAUMADIER

Jean-Louis BEAUMADIER ha iniziato i suoi studi di flauto con Joseph RAMPAL al Conservatorio di Marsiglia, e li ha proseguiti al Conservatorio Nazionale Superiore di Musica con Jean-Pierre RAMPAL. Vincitore dei Concorsi Internazionali di Ginevra e della Gilda francese degli artisti solisti, solista dell’Orchestra Nazionale di Francia per dodici anni, in seguito divenne grazie alla sua abbondante discografia (Grand Prix de l’Académie Charles Cros), a i suoi concerti in Europa, negli Stati Uniti e in Estremo Oriente e la sua collezione Piccolo di Billaudot, uno dei primissimi rappresentanti del flauto piccolo al mondo.

Il suo acuto gusto per il piccolo e gli strumenti in legno risale ai suoi primi anni quando la sua famiglia gli acquistò un magnifico vecchio, « Bonneville », in ebano. Per diversi anni, ha intrapreso un lavoro approfondito per far conoscere meglio Piccolo e condividere con gli altri la sua gioia nel suonarlo. Dapprima piccolo ai Concerti della Colonne, poi per dodici anni, piccolo solista dell’Orchestra Nazionale di Francia, ha suonato sotto la direzione di prestigiosi direttori: Sergiù Celibidache, Karl Böhm, Leonard Bernstein, Lorin Maazel, Seiji Ozawa, Wolfgang Sawalich, Pierre Boulez … e collabora anche con altre orchestre del mondo come la «Orchestra Saïto Kinen» di Seiji Ozawa.

La sua abbondante discografia: Calliope-Harmonia-Mundi, Classic-Talents, Lyrinx, Rodolphe, Skarbo, New horizons, Saphir, Naïve, Indésens … accompagnati da un Grand Prix internazionale del disco dell’Accademia Charles Cros per il CD “La belle epoca del piccolo ”e la sua collezione educativa pubblicata da Billaudot gli danno il riconoscimento e l’amicizia dei flautisti che lo invitano in tutto il mondo a importanti convention e festival di flauto (Giappone, USA, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Brasile , Costa Rica, Austria, Italia, Slovenia, Venezuela …). Si esibisce anche in numerosi concerti in Francia (Parigi Salle Cortot, Radio Francia) e in tutto il mondo (Israele, Irlanda, Italia, Belgio, Germania, Senegal, Croazia, Stati Uniti (Carnegie Hall di New York), Austria, Slovenia, Spagna, Paesi Bassi, Finlandia Sibelius Academy di Helsinki, Cina …).

Invitato come solista da molte orchestre: National Orchestra of France, Simon Bolivar Orchestra of Caracas (sistema), Wiener concert verein, solisti di New York, Brussel Chamber Orchestra, National Orchestra Of Costa Rica, National Orchestra of Ecuador, Philharmonic Orchestra da Marsiglia, Auvergne Orchestra, Bohemian Orchestra, Quito Chamber Orchestra, San Jose Chamber Orchestra dalla California, “I musici di Vivaldi”, Orchestra di Cannes, Claude Champagne University Orchestra da Montreal, Jean Orchestra Francois Paillard, Alsace Chamber Orchestra, « The Musicians of France », Cairo Symphony Orchestra, Camera Musica Orchestra of Catalonia, Geneva Chamber Orchestra, Taipei Philharmonic Orchestra (Taiwan), Twin Cities Orchestra Minneapolis, Prague Radio Symphony Orchestra.

Jean-Louis Beaumadier tiene corsi di perfezionamento nelle principali istituzioni musicali di tutto il mondo.

«Jean-Louis è stato allievo di mio padre prima di diventare mio. Dotato di una tecnica meravigliosa, si distingue fin dall’inizio per la sua personalità accattivante e il suo senso artistico sviluppato. Si è specializzato con felicità nell’interpretazione del repertorio per il piccolo flauto ed è una gioia sentirlo alternare girare o sognare … questo è il «Paganini del piccolo». Jean-Pierre Rampal

 

Biografia Véronique POLTZ

Di origine ungherese per via dei nonni, Véronique Poltz ha iniziato a suonare il pianoforte presso il Conservatorio Regionale di Aubervilliers, dove ha ottenuto tre primi premi, in pianoforte, accompagnamento e musica da camera, ricevendo poi, nel 1982, la medaglia del Ministero della Cultura francese. Ha continuato la sua formazione presso il Conservatoire National Supérieur de Musique de Paris in classi specializzate di Solfeggio e Scrittura (armonia, contrappunto, fuga, strumentazione e orchestrazione), dove ha ricevuto una Prima Medaglia e tre primi premi. Ha perfezionato le sue abilità pianistiche a Parigi presso l'Ecole Normale de Musique A. Cortot e al Mozarteum di Salisburgo con Paul Von Schilhawsky vincendo inoltre un primo premio dalla città di Parigi in accompagnamento.

Stimata musicista da camera, Véronique Poltz suona in duo e trio.

Si esibisce regolarmente con Jean-Louis Beaumadier, ottavinista, in vari programmi di ogni repertorio e stile durante concerti tenuti in tutto il mondo.

Véronique Poltz ha composto brani per strumento solo (pianoforte, violoncello), numerosi brani per strumento e pianoforte, per arpa, nonché opere per orchestra sinfonica, quali: ”Jardin des ombres", "Les Belles et the beast". Ha arrangiato le Danze ungheresi per 2 ottavini e pianoforte di J. Brahms, suonate in prima esecuzione a Tokyo e ha orchestrato Moto perpetuo di J. Andersen, che Jean-Louis Beaumadier ha eseguito a New York, Taipei e Nizza. Véronique Poltz ha scritto "Midnight with Pan" trio per flauto, ottavino, flauto in sol e pianoforte, presentato in prima assoluta in Inghilterra nell'agosto 2014, e "Icosa rhapsodie", per pianoforte a 4 mani, commissionata per il 2° Concorso Pianistico Internazionale a 4 mani di Monaco (2014) ; ha recentemente composto "38 in the clouds", per ottavino, flauto e pianoforte a 4 mani e "Kilumac concertino", (2019), per ottavino e orchestra, registrato nell'ultimo CD di Jean Louis Beaumadier (dedicatario) “Concerti per ottavino Prima mondiale” .

Véronique Poltz è professoressa di scrittura e orchestrazione al Conservatoire à Rayonnement Régional P. Barbizet di Marsiglia.

Raggiungi l’evento

esempio: 18/06/2024
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.