13/11/2018 Ora 09:00
Conservatorio di Musica "Benedetto Marcello"

Il Coltellino

Fantasia musicale per bambini

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Dal racconto omonimo di Shalom Aleichem Composta e diretta da Shlomi Frige. Tradotto dall'Yddish da Franco Bezza.

Partecipazione su prenotazione

 

La storia "Il coltellino” è stata scritta in Yiddish nel 1886 da Shalom Aleichem e fu tradotta per la prima volta in ebraico da HN Bialik.

La storia combina un episodio locale, che si svolge in una casa ebraica in una città dell'Europa orientale circa 130 anni fa, con un aspetto universale - la lotta interiore di un bambino che è tentato di rubare qualcosa che ama. La storia è ancorata in un mondo molto ebraico, davvero unico, tuttavia è una storia umana che può essere trovata in qualsiasi società in ogni momento. La storia è realistica, cioè gli eventi in cui è stato detto potrebbero accadere nella realtà. Ogni evento nella sequenza narrativa è basato su una logica causale comprensibile per il lettore. Shalom Aleichem non sgrida il ragazzo che ha rubato il coltello; Lascia a lui e ai suoi lettori il conflitto interiore irrisolto, i sentimenti di colpa e il piacere supremo di possedere il "tesoro", che è il coltello tascabile. Il narratore condivide con i lettori ciò che ha subito e non risparmia tutti i suoi sentimenti, dal desiderio al coltello da tasca ("Devo essere stato in paradiso per tutta la mia infanzia per avere un desiderio di coltellini" ) riferendosi al coltello come un "vero amico" e alla paura di essere catturato, come uno dei ladri e dei bugiardi. Non abbellisce la realtà ("un ladro è un ladro"), ma ci fa capire come si è trovato in una situazione in cui non ha potuto resistere alla tentazione, ha preso il coltello e non lo ha restituito al suo proprietario. Shalom Aleichem circonda gli eventi, con umorismo che crea un'atmosfera confortevole, lontana dal rispetto e dalla serietà che ci aspettiamo che abbiano.

 

L'autore Shalom Aleichem (pseudonimo di Shalom Rabinowitz) nacque in Ucraina nel 1859. Scrisse principalmente in yiddish ed era considerato il più grande umorista ebreo. Anche da bambino amava prendere in giro i suoi amici nell'aula a cui partecipava. La sua prima opera letteraria fu "Il thesaurus della matrigna", in cui raccolse le maledizioni che sentì dalla sua matrigna. Nella sua gioventù ha letto il libro "Robinson Crusoe" e sotto la sua influenza ha scritto una storia chiamata "Robinson ebreo". Nella sua prima storia, "Two Stones", ha firmato il suo vero nome, ma da allora ha firmato le sue opere nel nome letterario che ha scelto per se stesso: Shalom Aleichem. Fin dalla tenera età, ha pubblicato articoli, storie, opere teatrali e figurine (brevi articoli su argomenti sociali, letterari o filosofici, scritti in un linguaggio uguale e talvolta divertente), alcuni in russo ed ebraico e la maggior parte in yiddish. In uno stile speciale che combina compassione e critica, ha scritto storie sulla vita ebraica

 

 

 

Prezzo
Free
Informazioni aggiuntive

 

Voce recitante: Eliko Levi

Violino: Alon Yariv

Violino: Talia Herzlich

Violono: Hadar Bratt

Sassofono: Yair Beilin

Baritono: Ilan Noy Meir

Contrabbasso: Ofer Gazit

Clarinetto: Uri Apelboim

Fagotto: Tamar Barzilai

 

Raggiungi l’evento

esempio: 09/12/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.