Dal 01/09/2018 al 25/11/2018
Scuola Grande di San Giovanni Evangelista

Storie di Moda

Scuola Grande San Giovanni Evangelista

storiedimoda

Descrizione

Da Caterina Cornaro alla Regina Margherita, la moda prende forma nelle mani di Francesco Briggi e parla di Venezia.

La moda è in continua evoluzione; il suo viaggio fra i costumi dei popoli, le loro abitudini non si ferma mai, così come il suo raccontare storie sempre nuove! Dopo un anno passato negli appartamenti privati di Palazzo Nani Bernardo, l’esibizione “Storie di moda” approda completamente rinnovata, nei saloni della Scuola Grande San Giovanni Evangelista. Il sodalizio fra Atelier Pietro Longhi e la Scuola Grande è di antica data. Già nel 2005 la prima ed unica riproduzione filologica dell’intero corteo dogale veneziano aveva trovato spazio nel grande salone capitolare. Oggi, a distanza di tredici anni, la moda torna nel luogo simbolo della cultura veneziana grazie alla disponibilità del Guardian Grando Antonio Cecchini e della direttrice Cristina Scarpa, che hanno sposato il progetto dell’Atelier Pietro Longhi di raccontare la storia dell’edificio più rappresentativo della storia dell’architettura e dell’arte veneziana attraverso l’abbigliamento.

Curata da Raffaele Dessì e completamente basata sugli anni di ricerca ed esperienza del sarto ed artigiano Francesco Briggi, una versione completamente rinnovata della mostra “Storie di moda” ha trovato luogo nella sala Guarana della Scuola Grande San Giovanni.
Accolti dalle riproduzioni di una Salomè trecentesca e da un Crociato in armatura sarà la Regina Cornaro il primo personaggio a rappresentare il connubio fra arte, moda e la Scuola Grande. Grazie agli abiti realizzati da Francesco Briggi, fra velluti e damaschi di seta, filo d’oro e d’argento, dame e cavalieri dipinti dal Veronese e dal Tiziano ci raccontano la gloria di Venezia. Ma anche la grande crisi: la dominazione napoleonica e quella austriaca si mostrano nella loro forza con abiti severi e scuri, per tornare poi al tripudio di pizzi e colori di una Venezia risorgimentale con una identità recuperata.

Le emozioni che descrivono questi abiti non appartengono solo alla storia: sono quelli indossati dalle Marie quando vengono presentate in Piazza San Marco il giorno della chiusura del carnevale, oppure indossati per gli spettacoli e le rievocazioni che Atelier Pietro Longhi esporta insieme alla cultura veneziana in tutto il mondo. Raccontano la capacità di artigiani di lavorare assieme per creare perfezione, come quella dell’abito settecentesco che oltre a Francesco Briggi e Rubelli vede le mani di Marisa Convento che ne ha decorato la pettorina e della merlettaia che ne ha fatto le maniche e le cascate. Le storie legate alla moda sono infinite, perché infinita è la passione che muove chi produce la moda e chi la pensa.  

La mostra sarà aperta secondo gli orari di apertura del Museo della Scuola Grande.
Orario
9:30 – 14:00
14:30 – 17:15
Biglietti
Intero 10 €
Ridotto 8 €
studenti under 26 muniti di tesserino universitario in corso di validità
residenti e nati nel Comune di Venezia
Scolaresche 3 €
gruppi scolastici under 14 accompagnati da insegnanti
Gratuità
bambini under 12 accompagnati da adulti, disabili, guide turistiche con patentino regionale e nazionale, possessori tessera ICOM, giornalisti accreditati
Visite guidate
Per visite guidate o giorni ed orari diversi: Pietrolonghi@pietrolonghi.commuseo@scuolasangiovanni.it

Contattaci per prenotare: +39 041 718234 (ufficio), +39 041 718158 (biglietteria).

 

Prezzo
A pagamento

Raggiungi l’evento

esempio: 13/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Orari e date

Lun
9:30-17:00
Mar
9:30-17:00
Mer
9:30-17:00
Gio
9:30-17:00
Ven
9:30-17:00
Sab
9:30-17:00
Dom
Chiuso
Chiuso nei seguenti giorni
13 Ottobre 2018
Ora Chiuso

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.