Dal 06/08/2021 al 24/10/2021
Galleria Giorgio Franchetti alla Ca' d'Oro

Ospiti in Galleria

Canaletto incontra Guardi

ospiti-galleria-canaletto-guardi

Descrizione

Vedute veneziane a confronto: il Molo verso la Basilica della Salute

6 agosto – 24 ottobre 2021

Ospite eccezionale della Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro sarà, fino al 24 ottobre, la smagliante veduta di Canaletto (1697 – 1768) raffigurante Il Molo verso ovest con la Zecca e la colonna di San Teodoro della Civica Pinacoteca del Castello Sforzesco di Milano. Il prestito è frutto di uno scambio temporaneo tra le due istituzioni museali generatosi in occasione della contemporanea mostra milanese dedicata alla scultura italiana del Rinascimento (Il Corpo e l’Anima da Donatello a Michelangelo. Scultura italiana del Rinascimento, Milano, Castello Sforzesco, 21 luglio – 24 ottobre).

Parte di una coppia di dipinti realizzati a pendant provenienti dalle collezioni di Thomas Osborne, quarto duca di Leeds, l’opera di Canaletto transitò, dopo diversi passaggi, nella raccolta del senatore milanese Luigi Albertini, per essere poi acquistata, nel 1995, per le raccolte civiche.

L’esposizione della tela accanto al dipinto di ugual soggetto di Francesco Guardi (1712 – 1793) di collezione Franchetti offre la possibilità di accostare due straordinarie vedute veneziane, tra le più apprezzate dai turisti aristocratici del Grand Tour, ponendo a confronto diretto due “fermi immagine” (e due diverse concezioni pittoriche del ritratto urbano) di protagonisti assoluti del vedutismo lagunare del Settecento: la luminosa versione di Canaletto, di ampio respiro scenografico e impeccabile coerenza prospettica, riferibile alla maturità del pittore e databile entro il 1742, e la vibrante interpretazione lirica offerta da Francesco Guardi in una fase avanzata del suo operato, ormai lontana, nella sua indeterminatezza fantastica, dal nitido rigore che aveva suggellato, in una immagine solare, “come incisa nel cristallo” (A. Mariuz), la Venezia di Canaletto nella percezione dei viaggiatori e dei collezionisti dell’epoca.

Nel prospetto immortalato dai due artisti si condensano edifici che incarnano la storia stessa di Venezia e ci accompagnano nella scoperta dei suoi mutamenti e delle sue persistenze urbanistiche, in un viaggio nel tempo che celebra quest’anno i 1600 anni dalla fondazione leggendaria della città. Alle manifestazioni ufficiali previste per celebrare la ricorrenza si collega anche la presente iniziativa.

Un percorso specifico creato con la App izi.Travel accompagnerà il visitatore ad approfondire il confronto tra i due dipinti, con l’ausilio di informazioni iconografiche e topografiche scaricabili da casa sul proprio smarphone o al museo tramite QRcode. In un’ottica di itinerario allargato dal Museo al territorio, saranno previste anche visite e percorsi guidati (programma da definire) con partenza dalla Galleria per poi raggiungere i luoghi narrati nelle tele settecentesche, in un confronto attraverso il quale solo una città come Venezia, con la sua luce e i giochi dell’acqua può restituire una realtà ancora più suggestiva di quella dipinta.

La mostra, seconda tappa della rassegna Ospiti in Galleria inaugurata nel 2020, è ricompresa nel percorso di visita attuale del museo e non comporta maggiorazione del costo del biglietto d’ingresso.

Prezzo
A pagamento

Raggiungi l’evento

esempio: 26/09/2021
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...
Ora Chiuso

Orari e date

Lun
Chiuso
Mar
Chiuso
Mer
9:00-13:30
Gio
9:00-13:30
Ven
9:00-13:30
Sab
9:00-13:30
Dom
Chiuso

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.