Dal 23/03/2019 al 14/04/2019
Multimedial Laboratory Art Conservation

“I Veneziani negli anni ‘60”

veneziani_anni_60

Descrizione

Inaugurazione della mostra: Sabato 23 marzo, alle ore 17:30

“I Veneziani negli anni ‘60”
Fotografie di Andrea Grandese
Curatore Mario Trevisan

Multimedial Laboratory Art Conservation
Venezia,  Fondamenta della Misericordia, 2588

L’esposizione resterà aperta dal 24 marzo al 14 aprile 2019,
con il seguente orario:
sab. e dom. 11–20; mar. mer. gio. ven. 16 –20; lunedì chiuso

Ingresso libero

La mostra è a cura di Mario Trevisan, noto collezionista e studioso della fotografia del Novecento.

La stampa delle foto su carta Fiber Silk Barrity e inchiostri a pigmenti è a cura di bianconero di Vittorio Pavan.
Il volume I veneziani negli anni ‘60, con la prefazione di Silvio Testa, è pubblicato da Gambier&Keller editori di Venezia, contiene la versione in lingua inglese dei testi e viene venduto in mostra al prezzo speciale di €20

La mostra si divide in cinque sezioni:

1. Venezia città operosa (i mestieri). Il commercio minuto e necessario era gestito da uomini e donne pigramente dedicati al loro lavoro quotidiano, ineluttabile e sereno.
2. Venezia città antica (gli anziani). I vecchi, poveri o no, trovavano dovunque i loro spazi tranquilli in riva degli schiavoni o nei bar alla periferia del centro storico.
3. Venezia città chiassosa (i bambini). Nei favolosi anni sessanta i bambini giocavano nei campi e nuotavano nei canali, correndo rischi oggi impensabili, in splendida assenza di madri affaccendate a tenere in ordine la casa in affitto e di padri occupati nell’accumulazione di beni primari e non.
4. Venezia città viva (la gente). Ma dove sono finiti tutti? Quando è cominciato l’esodo? E perché? Non lo so. So però che la vita di quelli che l’hanno costruita è tutta ancora nelle pietre, nelle strade, nelle opere che oggi  tutti gli “altri” usano e che “noi” vorremmo salvare quale reperto storico irriproducibile. Per “noi” la città è sempre stata lì, immancabile, presente, nella quale era normale vivere, usabile senza paura, vissuta da tutti, perfetta, “nostra”.
5. Venezia città silente (i luoghi della quotidianità). Fotografie in bianco e nero, dunque, scattate con una reflex Pentax da un ventenne curioso e solitario alla ricerca della vita. Oggi queste foto ci aiutano a comprendere “quanta acqua sia passata sotto i ponti” di questa città cresciuta sull’acqua e per la quale è sempre più necessario chiedere ad alta voce: salvemo almanco ‘e piere (salviamo almeno le pietre).

La mostra è stata resa possibile dal sostegno di: G. Benevento snc, Millevini Enoteca, Pellegrini SpA
e la collaborazione di; Giorgio Camuffo, Adriano Cincotto, Mario Gabbiato, Madile Gambier, Paolo Neidhardt
e il catering di: i&s Farm Il Biologico di Sant’Erasmo, Trattoria Alle due gondolete e Ruggeri SpA.

Prezzo
Gratuito

Raggiungi l’evento

esempio: 24/03/2019
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...
Ora Chiuso

Orari e date

Lun
Chiuso
Mar
16:00-20:00
Mer
16:00-20:00
Gio
16:00-20:00
Ven
16:00-20:00
Sab
11:00-20:00
Dom
11:00-20:00

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.