Dal 10/09/2022 al 10/10/2022
Spazio Thetis

Beyond CODE & Time

beyond-thetis

Descrizione

La Fondazione Mediations Biennale propone le opere di più di 60 artisti internazionali;

Pavilion 04 "Beyond CODE & Time" è ancora visitabile fin al 10 ottobre. La Mostra consente ai visitatori di entrare in sintonia con le trasformazioni della realtà sociale quotidiana in un linguaggio artistico essenzialmente sovversivo e "spudoratamente bello";   

Lo splendido Spazio Thetis ospita nuovamente una Mostra che sviluppa un tema caro all' "Hub dell'arte contemporanea" ubicato nell'Arsenale storico veneziano: il rapporto e la stretta connessione fra arte e scienza;
Fino al 10 ottobre sarà aperta al pubblico, presso Spazio Thetis a Venezia, la Mostra "Beyond CODE & Time", che si può considerare il vero “colpo di coda” dell’arte sperimentale proposta al pubblico nel periodo di Biennale Arti visive 2022.

Il meraviglioso parco e i capannoni sapientemente restaurati ubicati all’interno dell’Arsenale storico, ospitano nuovamente un tema caro all’“hub dell’arte contemporanea” cittadino: il rapporto e la stretta connessione fra arte e scienza. “Beyond CODE & Time" consente ai visitatori di entrare in sintonia con le trasformazioni della realtà sociale quotidiana in un linguaggio artistico essenzialmente sovversivo e “spudoratamente bello”. L’esposizione è una miscellanea curiosa ed incuriosente di opere con un carattere sperimentale-esplorativo, il cui spettro comprende dipinti post surrealisti, fotografie iconografiche, video performativi, performances dal vivo, nonché la loro espansione post futuristica in o tramite internet sotto forma di un'ampia varietà di meme (immagini trasmesse), opere generative, All art e di sviluppo NFT.
La Fondazione Mediations Biennale, che ha come mission la creazione e il mantenimento di un dialogo a livello internazionale e di una riflessione congiunta fra artisti e scienziati sul futuro, ha tenuto a battesimo questo Progetto proprio a Venezia con Pavillion 0 ed ora, dopo decine di Mostre, pubblicazioni, incontri in tutto il Mondo, presenta l’evoluzione con Pavilion 04.

Nell’ambito dell’esposizione, a cui partecipano oltre 60 creativi con diverse caratteristiche provenienti da vari altri Paesi europei ed extraeuropei, The Thing Universe è una sezione “di peso” dedicata agli artisti asiatici. Essi si spingono oltre l’ecologismo, ricercando la sapienza dell'abitare umano che reintegri la dimensione del Divino, dell'umano e del cosmico secondo un’impostazione ecosofica. Huang Xuan decostruisce la pratica discorsiva del linguistico artistico - creativo nel raccontare la purezza delle immagini. L'osservatorio di Lin Yi-Chun, “l'alto punto di osservazione privilegiato”, collega l'astrologia mitica e la sovranità dominante. La mediazione di Cheng Hsiang-yu di un museo dell'aviazione mostra la modellazione delle armi e la dinamicità e la velocità nell'arte delle guerre. Il progetto di NANONANO pone l’accento sul limite dello sviluppo urbano in relazione al tempo ipotizzabile per l’homo sapiens. Il lavoro di Lin Pei-Ying presenta la simbiosi tra l'uomo e il virus, che ha lasciato la traccia di un organismo macrobiotico nel DNA. Il lavoro di Yao Jui-Chung evoca delle figure di "Tank Men" attraverso quattro carri armati fittizi gonfiabili e un lavoro di ambientazione.
“Solo pochi anni fa - dice Tomasz Wendland, curatore della Mostra – abbiamo compreso come gli aspetti più esasperati dell’antropocentrismo portassero verso una possibile estinzione dell’homo sapiens. È una riflessione che ha preso maggior peso dall'inaspettata pandemia di Covid 2019, che ha già causato 228 milioni di vittime, rendendoci consapevoli dell'esistenza di realtà parallele di cui non abbiamo chiavi, né codice di accesso. La quarta ondata e le successive mutazioni del virus, sembrano farci familiarizzare con il vicinato di una “intelligenza” imprevedibile e inorganica, che copre interamente la terra, come il citoplasma nel romanzo “Solaris” di Stanislaw Lem. A differenza di uno scienziato, l'artista in realtà lavora al di fuori del codice. Molto spesso, crea un'opera d'arte generandone il codice, che diventa anche il contenuto dell'opera. Il codice non è solo un mezzo per veicolare contenuti, ma soprattutto per scoprirli e ricercare la verità, che è la presenza stessa di un'immagine. Da qui il titolo del progetto BEYOND CODE & Time – sull'autonomia della creazione dell'opera d'arte dalla realtà. L'arte è la ricerca di significati universali, di cui vogliamo essere parte immanente cercando di trascendere i limiti di un tempo che fuori di noi non esiste”.

A cura di Tomasz Wendland, Harro Schmidt, Filip Gajewski, Denise Carvalho, Hongjohn Lin, Weiming
Ho.

Curatori|Tomasz Wendland, Harro Schmidt, Filip Gajewski, Denise Carvalho, Hongjohn Lin, Weiming Ho
Location | Spazio Thetis, Palazzina Modelli, Arsenale Nord, Venezia (Fermata vaporetto Bacini a 10 min. da Lido e da F.ta Nuove)
Durata della Mostra|10 settembre – 10 ottobre 2022
Orari della Mostra |giovedì, venerdì, sabato e domenica dalle 13:00 alle 18:00

Prezzo
Gratuito

Raggiungi l’evento

esempio: 29/09/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...
Ora Chiuso

Orari e date

Lun
Chiuso
Mar
Chiuso
Mer
Chiuso
Gio
13:00-18:00
Ven
13:00-18:00
Sab
13:00-18:00
Dom
13:00-18:00

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.