Dal 08/10/2022 al 30/11/2022
Biblioteca Nazionale Marciana

Avatar

le opere scultoree di Wurm

wurm-marciana

Descrizione

BIBLIOTECA NAZIONALE MARCIANA - SALE MONUMENTALI ACCESSO ALLA MOSTRA ATTRAVERSO IL MUSEO CORRER - PIAZZA SAN MARCO N.52 - ALA NAPOLEONICA I, 30124 VENEZIA

In concomitanza con la 59ª Esposizione Internazionale d'Arte – La Biennale di Venezia – la Biblioteca Nazionale Marciana presenta opere dell'artista austriaco Erwin Wurm nelle sue storiche Sale Monumentali, accessibili dal Museo Correr direttamente su Piazza San Marco a Venezia.

In una mostra personale intitolata Avatar, le opere scultoree di Wurm sono poste in dialogo con dipinti a parete e a soffitto di Tiziano, Tintoretto e Veronese.

La mostra è curata da Manfred Möller e promossa e organizzata da Association for Art in Public Dirk Geuer.

“Rendere visibili artisti importanti e le loro opere nei musei rinomati di tutto il mondo è il mio impegno e la mia passione più profonda. Il contatto personale e di fiducia con gli artisti è per me il prerequisito più importante”, spiega il direttore generale Dirk Geuer a proposito di come è nato il progetto.

Progetto espositivo

Erwin Wurm, nato nel 1954 a Bruck an der Mur in Stiria, è il maggiore esponente dell'arte contemporanea austriaca a livello internazionale. La sua opera, caratterizzata da molteplici stratificazioni di significato e al tempo stesso umoristica e profonda, abbraccia quasi tutti i generi e spazia dalla scultura materica all'action art, dal video alla fotografia, dal disegno ai libri d'artista. Recentemente, con le cosiddette flat sculpture (sculture piatte), sono stati creati per la prima volta anche dei dipinti. Al centro del suo lavoro artistico, tuttavia, c'è la predilezione per il mezzo scultoreo. Fin dai tempi in cui era studente, ha messo in discussione le categorizzazioni di genere, la loro terminologia e le convenzioni ad esso associate, dissolvendo i loro confini spaziali e temporali e sviluppando costantemente nuove possibilità di espressione, innovative ma soprattutto indipendenti.

Erwin Wurm si occupa spesso di oggetti che costituiscono la nostra vita quotidiana, ma che di solito ricevono poca attenzione. Ben note in questo contesto sono le fat sculpture (sculture grasse) di Wurm, che mostrano lo status symbol piccolo-borghese attraverso automobili, frigoriferi o case di famiglia “ingrassate” e gonfie.

Nella mostra Avatar nelle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, Erwin Wurm presenta un nuovo gruppo di opere intitolato Skins. A differenza delle opere Fat (grasse), questi lavori sono incentrati sulla riduzione del volume. Nelle sculture filigranate e dall'aspetto fragile, alte fino a 4 metri, corpi vestiti con jeans, camicie e scarpe da ginnastica sono rappresentati in modo schematico e dettagliato in varie pose, che lo spettatore può percepire solo da una determinata angolazione.

Per quanto le sculture possano sembrare rudimentali e astratte, il riferimento alle One Minute Sculptures di Erwin Wurm, con cui l'artista si è fatto conoscere dal grande pubblico a partire dai primi anni ‘90, è evidente. In questo caso, Wurm ha fatto posare le persone con oggetti di uso quotidiano e ha fatto loro assumere per breve tempo posizioni del corpo inconsuete e spesso innaturali, che prendono forma nelle opere Skins. Le One Minute Sculptures volevano mettere in discussione la categorizzazione di soggetto e oggetto, ma anche creare un’antitesi alla scultura classica, generalmente associata alla permanenza. L’artista si concentra sul concetto di superficie e sulla sua funzione di contenimento e definizione del volume del corpo scultoreo. In un piano tra presenza e assenza, Wurm fa riferimento in queste opere a domande esistenziali riguardanti la nostra interazione con il mondo che ci circonda e il ruolo della pelle come superficie di contatto di questo incontro.

Artista

“Bidimensionalità, tridimensionalità, massa, pelle, superficie, volume: sono tutte componenti importanti della mia ricerca sulla scultura. Schiacciati e appiattiti o ridotti a una forma molto sottile, i miei nuovi lavori acquistano una certa fragilità che mi piace: diventano quasi astratti”. Erwin Wurm

Il pluripremiato artista austriaco Erwin Wurm è nato nel 1954 a Bruck an der Mur. Dal 1974 al 1977 ha studiato storia dell’arte e germanistica all’Università di Graz, dal 1977 al 1979 educazione artistica e all'opera all’Università Mozarteum di Salisburgo. Dal 1979 al 1982 ha frequentato l‘Hochschule für angewandte Kunst e l‘Akademie der bildenden Künste. Dal 2002 al 2006 ha insegnato come professore presso l‘Institut für Kunst und Kulturwissenschaften/Kunstpädagogik e dal 2007 al 2010 presso l‘Institut für Bildende und Mediale Kunst der Universität für Angewandte Kunst di Vienna.

Le straordinarie opere di Erwin Wurm sono state a lungo oggetto di mostre personali in musei internazionali. I più rinomati musei del mondo possiedono ed espongono le sue opere, tra cui la National Gallery of Victoria di Melbourne, la Österreichische Galerie Belvedere di Vienna, il Centre Pompidou di Parigi, il Museum Ludwig di Colonia, la Kunsthaus Zürich e il Solomon R. Guggenheim Museum di New York.

Nell’autunno 2006, anche il MUMOK del MuseumsQuartier di Vienna gli ha dedicato una mostra. La causa principale che ha suscitato scalpore è stata una casa unifamiliare a grandezza naturale attaccata al tetto dell'edificio MUMOK in obliquo e capovolta. Alla 54a Biennale d'Arte di Venezia del 2011, Wurm è stato presentato con Narrow House, un modello della sua casa d'infanzia ridotto a un sesto delle sue dimensioni lungo l’asse longitudinale.

Erwin Wurm vive e lavora a Vienna e a New York.

Prezzo
A pagamento

Raggiungi l’evento

esempio: 06/12/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...
Ora Chiuso

Orari e date

Lun
10:00-18:00
Mar
10:00-18:00
Mer
10:00-18:00
Gio
10:00-18:00
Ven
10:00-18:00
Sab
10:00-18:00
Dom
10:00-18:00

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.