Dal 22/12/2016 al 18/02/2017
Spazio Ridotto

MONOLOGUES

di Michele Spanghero

monologues

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Il silenzio che regna nei teatri storici italiani vuoti si trasforma in opera d’arte. A catturarlo e intrappolarlo all’interno di una serie di sculture sonore chiamate Echea è Michele Spanghero. Come i vasi che nei teatri antichi diffondevano il suono dal palco in tutta la struttura, l’artista ha poi documentato e fotografato gli stessi spazi vuoti trasformandoli nei protagonisti della propria scena attraverso una sequenza di foto e video in cui il teatro è visto dalla prospettiva del palcoscenico. 

Protagonista della prossima mostra sarà il Teatro La Fenice di Venezia .

Zuecca Project Space è lieta di presentare la mostra "Monologues", progetto multimediale in itinere del sound-artist Michele Spanghero. Presso la sede di Spazio Ridotto, dal 22 dicembre al 18 febbraio 2017, saranno presentate la video installazione "Monologue Fenice" (2016), la scultura sonora "Echea" e una selezione di opere fotografiche della serie "Monologue".

La mostra si sviluppa attorno ai suoni e alle immagini del Gran Teatro La Fenice, celebrando uno tra i più importanti simboli della vita culturale veneziana, 20 anni dopo il terribile incendio che distrusse il teatro. Il progetto "Monologues", iniziato nel 2014, si focalizza sulla relazione tra architettura e suono nei teatri storici italiani attraverso le registrazioni ambientali delle risonanze acustiche dei diversi teatri vuoti. “Monologues” è dunque il ritratto sonoro dello spazio e definisce lo spazio attraverso il suono. Dodici tra i più importanti teatri storici italiani sono stati inclusi nel progetto sino ad oggi. 

La video installazione "Monologue Fenice" (2016) mostra il processo di registrazione nel Gran Teatro La Fenice vuoto. Con il silenzio il teatro è nelle tenebre, ma, come il suono si stratifica, le luci lentamente crescono fino a rivelare il teatro e, in controluce, l'artista da solo sul palco mentre ascolta con attenzione la voce del luogo, il “monologo” del teatro. 

Le sculture sonore "Echea" sono al centro del progetto Monologues. Esse prendono il nome dal termine con cui Vitruvio chiamava le anfore risonatrici utilizzate anticamente per diffondere il suono fino alle ultime gradinate degli anfiteatri. Le sculture sonore di Spanghero sono quindi delle anfore “echea” di matrice classica, modellate a forma di risonatori di Helmholtz al cui interno vengono riprodotte le registrazioni delle risonanze delle sale teatrali vuote.

La serie di foto "Monologue" documenta in modo astratto le registrazioni effettuate nei teatri, in cui l'unico elemento visivo di interferenza sono dei microfoni, solitari sul palco e decentrati rispetto il punto prospettico. I soggetti delle immagini sono gli antichi teatri, ma i microfoni, come un alter ego dell'artista, sono rivolti verso la platea vuota in ascolto delle voci silenziose degli edifici vuoti.

 

Prezzo
Free
Informazioni aggiuntive

Maggiori informazioni: info@spazioridotto.com | spazioridotto.tumblr.com

La mostra è organizzata da Zuecca Project Space, con il supporto di Hausbrandt, Ritz Saddler e Bauer.

Raggiungi l’evento

esempio: 21/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.