Dal 12/12/2016 al 11/02/2017
Galleria Michela Rizzo

L'orizzonte rovesciato, Ivan Barlafante

A cura di Laura Cherubini

Descrizione

"L'orizzonte rovesciato" Ivan Barlafante
A cura di Laura Cherubini

Con la mostra L’Orizzonte rovesciato, il lavoro di Ivan Barlafante si pone sul labile liminare tra la dimensione naturale e quella spirituale. Ognuna delle tre sale è improntata a una diversa situazione spaziale e a un differente elemento.
La prima sala è dedicata alla terra e vi troviamo una scultura formata da due parti della radice di un olmo portato via dalla piena, arrivato al mare e spiaggiato. La superficie è stata privata della corteccia e poi sabbiata, levigando una a una, fino a rimuoverle, le sue tragicità. L’albero si spoglia del suo vissuto, offrendosi in una dimensione in cui ogni giudizio è assente. E’ come essere davanti a un Haiku, poesia giapponese di soli tre versi, costruita da regole precise, una poesia di concentrazione. Le altre opere corrispondono all’idea di poter fruire un’opera senza parafrasarla.
Non sono definizione di qualcosa che chiede di essere tradotto. Al contrario, chiedono la sospensione del giudizio in favore di ciò che esse esprimono. Sono fatte di corteccia, tocchi di tronco, vetro, taffetà di seta… hanno forme quadrate o rettangolari. Non sono da comprendere analogicamente, la comunicazione, svincolata dalla parola, passa attraverso lo stupore.
La seconda sala è dedicata all’acqua. In un fusto di plastica blu è immerso un altoparlante. La possibilità di ascolto è dunque sommersa. Il suono è al limite dell’essere udibile.
Questo genera una leggera increspatura a onde della superficie acquea. Si tratta di un processo di visualizzazione del suono. Qualcosa che non può essere percepito si manifesta. Una trascendente esperienza dell’essere è messa in scena. Per terra c’è una piccola opera con luce implosiva. Le due sale sono unite nel muro divisorio da una lastra di vetro di cui vediamo solo il bordo sfrangiato.
Al piano di sopra la terza sala è quella della pietra. C’è un cerchio di sassi di marmo che poggiano uno sull’altro su un filo di luce che sottrae gravità. Nell’ordine inferiore abbiamo il regno dell’Alterità e dell’Empatia, di sopra la dimensione dell’Oltre. Come diceva Fabio Mauri l’arte è sempre “oltre”… E ora Fiat Lux.
La luce del pensiero incarnata negli elementi naturali.
Laura Cherubini


Ivan Barlafante nasce in Abruzzo nel 1967. Nel 2000, realizza una mappa stellare in acciaio a specchio rivestendo un’intera piazza di Praga nell’ambito di Praga Capitale Europea della Cultura. Nel 2001 partecipa alla VIII^ Biennale d’Arte del Cairo, nel 2006 nell’ambito di un progetto quadriennale realizza ed espone I Love You al Tempietto del Carmelo (Roma). Nel 2009 l’opera TI AMO viene selezionata per il film La casa sulle nuvole di Claudio Giovannesi, miglior opera prima al Festival del Cinema di Roma (2012). Negli anni il suo lavoro ha
avuto il sostegno critico di Achille Bonito Oliva, Claudia Zanfi, Walter Guadagnini, Laura Cherubini, Tullio Catalano, Giorgia Calò, Daniele Arzenta, Marcella Cossu ed Elena Forin. Le sue opere sono state esposte presso il MACRO (Roma), Villa Croce (Genova), Museo Manzù, Museo Civico di Gibellina, Galleria Civica di Modena, il museo La Sapienza (Roma) e il MUSPAC - Museo sperimentale Arte Contemporanea (L’Acquila). Nel 2014 partecipa alla Bienal del Fin del Mundo e l’anno successivo è tra i protagonisti di Flags (2015, Serra dei Giardini - Venezia). Nel 2016, per la Fondazione La Verde La Malfa presso il Parco dell’Arte di Catania, ha realizzato l’installazione site-specific permanente Perché io sono te.

Prezzo
Gratuito

Raggiungi l’evento

esempio: 16/12/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Orari e date

Lun
Chiuso
Mar
11:00-18:00
Mer
11:00-18:00
Gio
11:00-18:00
Ven
11:00-18:00
Sab
11:00-18:00
Dom
Chiuso
Ora Chiuso

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.