Dal 16/09/2016 al 09/10/2016
CFZ - Ca' Foscari Zattere
Ca' Foscari Zattere

Adivasi

adivasi

Descrizione

Mostra temporanea di arte e manufatti tradizionali dell’India tribale Rathva, Rabari (Gujarat, Rajasthan); Toda (Tamil Nadu).
A cura di Roberta Ceolin con la partecipazione di Stefano Beggiora e Laura Tenti.

Con il termine adivasi, ovvero ‘aborigeni’ - coloro che ab origine abitarono il Subcontinente indiano – s’intendono oggi le minoranze etniche tribali dell’India. Si tratta di un caleidoscopio di culture, lingue, tradizioni che hanno attraversato la storia di questo meraviglioso e millenario paese, ma che molto spesso sono state ingiustamente relegate ai margini della società. Del resto il governo indiano definisce le Scheduled Tribes in base non solo alle caratteristiche di una religiosità e cultura distintive, ma anche a seguito di generali condizioni d’arretratezza e di un relativo isolamento geografico. Sono quelle comunità che ancora oggi vivono nel folto della giungla indiana e nelle remote vallate dell’Himalaya, grazie alla pastorizia e a tecniche per certi versi arcaiche d’agricoltura, tanto che fra esse si annoverano gli ultimissimi gruppi nomadi e di cacciatori e raccoglitori. Secondo il Census of India del 2011, l’ultima grande operazione di censimento della nazione, queste comunità rappresenterebbero ben l’8,6% della popolazione totale, quindi oltre cento milioni di persone, suddivise in più di seicento tribù, con innumerevoli sottogruppi locali. In epoca contemporanea gli adivasi hanno adottato processi d’adattamento diversificati rispetto alla modernità, in particolare coloro che risiedono vicini ad aree urbane o suburbane. Ma i tratti peculiari dell’arte, del folklore, dell’artigianato locali stanno oggi coagulando attorno a queste comunità un fiero senso d’identità che resiste alle più globali tendenze verso l’omologazione. Quella che è definita ‘la conoscenza indigena della foresta’ e lo sciamanismo che ancora si ritrova presso molti gruppi, rivelano il sapore di un mondo antico, di tradizioni orali tramandate di generazione in generazione, vissute attraverso uno stile di vita fragile, in costante rapporto con la natura e il territorio circostante. Questa cultura è oggi considerata patrimonio dell’umanità. Per quanto tecnicamente non proprio tutte le comunità tribali possano essere considerate originarie del Subcontinente tout court, in virtù di antiche o recenti migrazioni o perché la loro genesi si perde nel passato della storia dell’India, il termine adivasi incarna oggi il concetto di indigeno nonché la fierezza di un’identità distintiva La Mostra propone dunque un viaggio presso tre di queste etnie, poste quasi agli antipodi dell’India (Rathva e Rabari del Gujarat e Rajasthan e Toda del Tamil Nadu) tramite fotografie, dipinti, espressioni diverse dell’arte adivasi provenienti dalla ricca collezione di Roberta Ceolin. Le immagini, momenti di magia realmente vissuti, fermano il tempo di questo straordinario mondo. E attraverso le loro suggestioni sembrano raccontare il non detto, mostrando persino ciò che a prima vista appare non visibile.

Durante la mostra sono previsti due incontri:

- Giovedì 15 settembre alle ore 17:30: in occasione del Vernissage: I miti della creazione delle tribù Rathva e Rabari con Roberta Ceolin e introduzione di Stefano Beggiora
- Giovedì 22 Settembre alle ore 17:00: Mito, archeologia e fascinazione: cultura materiale e immateriale dei Toda con Laura Tenti

Il vernissage si terrà giovedì 15 Settembre alle ore 17.30 presso la Tesa 1 a CFZ Cultural Flow Zone, Zattere al Pontelungo, Dorsoduro 1392 Venezia

 
Prezzo
Gratuito
Informazioni aggiuntive

Ingresso Libero

Raggiungi l’evento

esempio: 15/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Orari e date

Lun
10:00-19:00
Mar
10:00-19:00
Mer
10:00-19:00
Gio
10:00-19:00
Ven
10:00-19:00
Sab
10:00-19:00
Dom
15:00-19:00
Ora Chiuso

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.