Dal 02/04/2016 al 03/04/2016
Teatro a l'Avogaria

Interazione Simmetrica

Spettacolo teatrale

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Nello storico teatro lagunare, sabato 2 aprile  2016, ore 21.00,  lo spettacolo di Federico Corda che prende in giro manie e nevrosi degli ammalati

"INTERAZIONE SIMMETRICA": AL TEATRO A L'AVOGARIA DI VENEZIA UNO SPETTACOLO TUTTO DA RIDERE SULLA MEDICINA TRADIZIONALE E LE TERAPIE ALTERNATIVE

Lo spettacolo in replica domenica 3 aprile alle ore 18.00

Uno spettacolo per ridere di gusto sull'incontro - scontro fra medicina tradizionale e terapie alternative. Al Teatro a l'Avogaria di Venezia é di scena "Interazione simmetrica" piéce in due atti di Federico Corda.

Un testo comico sulla medicina classica  e sui metodi di cura sui generis:  psicologia sistemica, analisi freudiana, fitoterapia, ayurveda feng-shui, terapie sui chakra ed affermazioni positive vengono in soccorso di alcuni “casi clinici” da guinness dei primati. Tra questi il dott. Frankfurther, paziente nevrotico, marito ferito e terapeuta inappuntabile, Sarah una terapeuta tranquilla e posata che non sopporta di essere interrotta mentre lavora,  Ellen, donna in carriera con un ego smisurato. E per finire il sig. Russel paziente, fobico, tenero ed infantile ma con un bisogno disperato di tenere tutto sotto controllo e Vidyadeva assistente metafisica che, avendo trasceso le umane passioni, ed essendo perfettamente connessa con i poteri celesti è in grado di fornire pronte risposte ai quesiti dei suoi colleghi/pazienti, rivelando, grazie anche al suo “radicamento a terra”, uno straordinario senso pratico quando si tratta di riscuotere.
Una commedia sulle righe dai toni paradossali che prende in giro nevrosi, tic e fobie di ogni tipo di paziente

Questo testo nasce con coerente incoerenza da tre notti insonni nelle quali ho scritto: la parte centrale del testo, il finale ed infine l’inizio. “Ko ham? Chi sono io?”, invitava a chiedersi costantemente il mistico indiano Ramana  Maharsi.  Potremmo rispondere in tono pirandelliano “Uno, nessuno e centomila” anche se, in realtà, la risposta, al di là delle fedi e delle conoscenze, nonché degli stereotipi, dovrebbe essere costituita dalle maha vakya: le grandi sentenze vediche “Aham brahmasmi: io sono Brahman” “Tat vam asi: tu sei quello” il sé, lo spirito l’atman a sat cit ananda: essenza, consapevolezza, beatitudine. Non vi è in me alcuna intenzione di denigrare né di deridere le tecniche descritte nel testo che, in realtà, fanno parte del mio percorso di vita, ma di “condire” con un pizzico di humor ad autoironia la nostra condizione umana: fragile, tenera, ma sempre in cerca di risposte proprio come viene definito il Siddharta di Hesse “ der Suchende” “colui che cerca” che  recita “Om è l’arco! La saetta è l’anima! Bersaglio della saetta è Brahma da colpire con immobile certezza!”.

 

Informazioni aggiuntive

Lo spettacolo, in replica domenica 3 aprile alle ore 18.00,

su prenotazione telefonica ai numeri 0410991967-335372889 , avogaria@gmail.com

Raggiungi l’evento

esempio: 23/07/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.