22/01/2016 Ora 22:00
Spazio Aereo

BEN FROST

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Il compositore e produttore australiano Ben Frost, tra gli indiscussi protagonisti dell’elettronica contemporanea, arriva a Spazio Aereo per la sua unica data italiana.
Il suo ultimo lavoro "“A U R O R A”, è l’opera più matura e lucida del prolifico e multiforme percorso di Ben Frost, in cui si sprigionano tutti gli elementi propri del suo alfabeto: muri di suono lisci, senza intercapedini ma sempre sul punto di sgretolarsi, da cui affiorano oscillazioni, feedback e fragorosi echi, che si alternano a telluriche pulsazioni primitive. Dopo Steel Wound (2003), la sua discografia include Theory of Machines (2007) e By the Throat (2009). Questi ultimi due album ed i successivi sono pubblicati attraverso Bedroom Community (il lucido collettivo creato dallo stesso Frost insieme a Valgeir Sigurðsson, fondatore dei leggendari Greenhouse Studios di Rekyavik), così come "Music for Solaris" tributo a Stanislaw Lem e Tarkovsky realizzato nel 2011 con Danìel Bjarnson, Da questo momento il suo percorso inizia ad espandersi verso la danza, il teatro (nel 2013 il suo esordio da regista ne "La fabbrica delle vespe" di Ian Banks), la televisione (con la colonna sonora di "Fortitude" nel 2015) e le arti visive. Appartiene a questo ultimo ambito l'unica apparizione di Ben Frost in laguna per la Biennale Arti Visive 2013, come autore del progetto sonoro di Richard Mosse per il pluri-premiato"The Enclave". Grazie al fotografo irlandese, che lo ha traghettato attraverso le sue psichedeliche sovversioni di significato nei conflitti del Congo orientale, prende corpo proprio in questa nazione "A U R O R A", suo ultimo lavoro. Pioniere e perlustratore di orizzonti densi e sconfinati, Ben Frost si contraddistingue per l'esplorazione estrema e la maniacale ricerca estetica: una vocazione che si rispecchia anche nella dimensione di ascolto dei suoi live, vere e proprie esperienze fisiche e sonore. Ha collaborato tra gli altri con Wayne McGregor, Tim Hecker, Brian Eno, Björk, Fennesz, Johan Johannsson, Amiina, Swans.

Opening act:

FURTHERSET 
Il prodigioso Tommaso Pandolfi riappare nei nostri cieli sulla scia di No Logic No Death, ultimo visionario lavoro uscito per White Forest Records in cui Furtherset affronta con precoce maturità territori vergini, coniugando con lucidità echi dance e rifrazioni di field-recordings, voci, loop, ed in generale il vasto mondo timbrico della materia sonora tutta.

After-party a cura di:

HEALING FORCE PROJECT
Con oltre due decadi di esperienza, Antonio Marini ritorna a Spazio Aereo dopo la partecipazione al memorabile esordio italiano di Berceuse Heroique
Prossimo al suo esordio con un ep ed un remix per Linkwood su Firecracker, oltre alla pubblicazione del secondo album "Perihelion Transits" per Eclipse Music, Healing Force Project è già uscito per Eerie, Sun Cat Recordings e Acido Records, oltre che Berceuse Heroique, la straordinaria label londinese che si è fatta riconoscere per il suo carattere tanto rigoroso quanto imprevedibile.

 

Informazioni aggiuntive

Il contributo online è di € 15 + d.p.

Il giorno del concerto, il contributo è di € 18

Raggiungi l’evento

esempio: 18/08/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.