06/04/2016 Ora 18:00
Palazzo Contarini Polignac

Aslı Kutluay - Melting Point

Inaugurazione mostra e performance

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

A Venezia, nel mese di aprile 2016, in anteprima per i visitatori della Biennale di Architettura, aprirà la mostra di opere inedite dell'artista turca Aslı Kutluay, curata da Vittorio Urbani e Elisa Genna, e allestita in un nuovo spazio espositivo: il Magazzino Galleria presso Palazzo Contarini Polignac, uno dei più importanti edifici del Rinascimento Veneziano affacciato sul Canal Grande.

La mostra sarà inaugurata da una performance “Dervish in Progress” del ballerino Ziya Azazi.

Asli Kutluay, designer e artista, vive e lavora ad Ankara. Ha sempre dimostrato un forte interesse nel presentare le diversità culturali, i dilemmi e le varietà del mondo. Trasmette le sue osservazioni attraverso storie suggestive trasposte in dipinti, sculture e installazioni. L'artista ha prodotto un corpus coerente di nuove opere, pezzi 'non funzionali' di arredamento, destinati a creare una connessione tra le opere d'arte, il luogo e i visitatori. Il lavoro parte dalle sue riflessioni sul fenomeno del riscaldamento globale: strutture vicine al punto di fusione e all’incrinatura a causa del cambiamento climatico, ci mostrano, come in uno specchio magico, lo scenario inquietante in cui potremmo essere costretti a ritrovarci noi stessi. Tuttavia, i responsabili di questi cambiamenti siamo esattamente noi, gli esseri umani. La presentazione delle opere inoltre suggerisce anche una via di “purificazione” per recuperare ciò che stiamo perdendo sia in termini di ecologia della natura e della mente che in termini di qualità dei rapporti tra gli esseri umani. Wirenets, per esempio, è una rappresentazione delle frontiere. 

Il video Our blue planet è stato girato dall'artista a Dubai nel dicembre del 2015, in pieno inverno. Una nuova e moderna architettura si staglia davanti ai mosaici della piscina e i filtri sono realizzati in una composizione blu. Quelli che vediamo sono elementi artificiali inventati dall'uomo. Possiamo sentire il suono e percepire il colore dell'acqua. Acqua che, rappresentata dal blu e raccolta artificialmente in questa piscina, sarà certamente l'elemento più prezioso del futuro.


Responsabile del progetto: Deniz Taner Gokce

A cura di: Vittorio Urbani

Assistente al curatore: Elisa Genna

Assistenza tecnica: Emmeti impianti s.a.s Magazzino Galleria
 

Informazioni aggiuntive

La mostra è promossa da Nuova Icona - Associazione culturale per le arti, Venezia

Raggiungi l’evento

esempio: 21/08/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.