17/11/2018 Ora 17:00
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

VENEZIA – L'AQUILA, un ponte culturale di solidarietà

progetto “Nove Artisti per la Ricostruzione”

ateneo_veneto

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

VENEZIA – L'AQUILA, UN PONTE CULTURALE DI SOLIDARIETÀ”

Conferenza dedicata al progetto “Nove Artisti per la Ricostruzione” e presentazione del libro “Ricostruire con l'Arte” di Roberta Semeraro (Bari, Progedit 2018)

Saluto di Gianpaolo Scarante, Presidente dell’Ateneo Veneto

Interventi di Pierluigi Biondi, Sindaco de L' Aquila

Roberta Semeraro, critica d'arte

Adolfo Cicchetti, Presidente Ance de L'Aquila;

Giordano Equizi, Presidente Ance giovani de L'Aquila

Introduce Giancarlo Carnevale, Presidente giuria Premio "La Calcina - John Ruskin. Scrivere di Architettura"

Conclude Marco Agostinelli, direttore artistico del Premio Letterario La Calcina - John Ruskin

 

Venezia-L'Aquila, un ponte culturale di solidarietà” prende nome da un paragrafo del libro “Ricostruire con l'arte” di Roberta Semeraro (Bari, Progedit 2018) dedicato al progetto “Nove artisti per la ricostruzione” per la città dell'Aquila, primo evento del programma biennale organizzato dal “Premio La Calcina-John Ruskin, scrivere di architettura”.

Il progetto “Nove Artisti per la ricostruzione” ideato dal critico d'arte Roberta Semeraro, nasce a Venezia in seguito al dibattito apertosi durante la Biennale d’Architettura del 2010, con l'evento collaterale E-picentro, nel quale si affrontò il tema della ricostruzione nel territorio aquilano intesa come ricostruzione non solo fisica degli edifici e dei luoghi storici,  ma anche ricostruzione di una comunità, del suo senso di identità e di appartenenza ad un luogo e della fitta rete di relazioni necessarie alla sopra- e con-vivenza.

I primi artisti invitati a partecipare al progetto sono stati Beverly Pepper, Mauro Staccioli e Hidetoshi Nagasawa.

“Nove artisti per la ricostruzione” che prevede la riqualificazione degli spazi urbani attraverso il linguaggio dell'arte e che è basato non solo sul principio di solidarietà degli operatori culturali verso le comunità colpite dal sisma ma anche di rispetto dei luoghi e delle loro caratteristiche ambientali, storiche e architettoniche, ha inaugurato la sua prima opera, l'Amphisculpture di Parco del Sole di Beverly Pepper (un grande anfiteatro all'aperto e una delle più grandi opere di land art del mondo),  il 22 settembre 2018. L'opera è rientrata nei lavori finanziati e sottoscritti da Eni il 27 agosto 2012 (grazie all'onorevole Gianni Letta che è entrato a far parte del comitato d'onore del progetto Nove Artisti per la Ricostruzione), nel protocollo d'intesa “Ripartire da Collemaggio” che riguardavano il restauro della Basilica di Santa Maria di Collemaggio e la riqualificazione dell'adiacente parco con le relative infrastrutture con la direzione tecnica dei cantieri da parte della Soprintendenza per l'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città dell'Aquila e i Comuni del Cratere.

Il bozzetto dell'Amphisculpture di Parco del Sole è stato esposto per la prima volta al pubblico a Venezia l'11 settembre del 2011 nella mostra “Venezia-L'Aquila, un ponte culturale di solidarietà” a cura di Roberta Semeraro con la collaborazione della comunità armena mechitarista di San Lazzaro e il patrocinio della Regione Veneto e del Comune di Venezia oltre che della Fondazione CARISPAQ.

Nel volume “Ricostruire con l'arte“ edito da Progedit, con la premessa di Pierluigi Biondi, la prefazione di Gianpaolo Scarante e l'introduzione di Clemens F. Kusch, l'autrice racconta le tappe fondamentali del progetto “Nove Artisti per la Ricostruzione” e che hanno portato alla realizzazione della prima opera l'amphisculpture di parco del sole.

Dopo circa dieci anni dal terremoto, grazie ai lavori di restauro sapientemente condotti dalla Soprintendenza per l'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città dell'Aquila e i Comuni del Cratere e a progetti nazionali e internazionali di cooperazione e solidarietà come “Nove artisti per la ricostruzione”, e non ultimo all'impegno delle istituzioni del territorio e dei suoi cittadini, L'Aquila sta rinascendo dalla macerie come una nuova città che sente l'esigenza di ripopolare i luoghi e farli rivivere, proiettandoli verso il futuro.

La conferenza di sabato 17 novembre, alla quale parteciperanno il Sindaco dell'Aquila Pierluigi Biondi, il presidente dell'ANCE L'Aquila Adolfo Cicchetti e il presidente dall'ANCE L'Aquila Giovani, Giordano Equizi, oltre ad illustrare al pubblico quanto è stato fatto e quanto ancora è necessario fare nel cammino della ricostruzione, metterà in evidenza in un dialogo con Roberta Semeraro, il fondamentale supporto che l'arte e la cultura possono offrire in queste circostanze.

La conferenza è anche il primo atto ufficiale del biennio di attività che porteranno al prossimo premio “La Calcina-John Ruskin. Scrivere di architettura” 2020, promosso dall'Associazione culturale RO.SA.M. e di cui Ateneo Veneto è partner.

 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 13/12/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.