28/05/2019 Ora 18:00
Libreria La Bottega di Manuzio

LA PROSTITUZIONE A VENEZIA NELL’OTTOCENTO

L’AUTRICE ELISABETTA TIVERON DIALOGA CON PIERO BRUNELLO

prostituzione_venezia_ottocento

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

VOCI DI MESTRE: LA PROSTITUZIONE A VENEZIA NELL’OTTOCENTO

L’AUTRICE ELISABETTA TIVERON DIALOGA CON PIERO BRUNELLO

Martedì 28 maggio ore 18.00 in libreria La bottega di Manuzio a Mestre

Quarto e ultimo appuntamento con la rassegna «Voci di Mestre. Incontri e narrazioni in bottega»: dopo Riviera del Brenta, Porto Marghera e Mestre, il ciclo di incontri – ideati e curati dalla libreria La bottega di Manuzio e da Daniela Rossi – conclude il suo viaggio a Venezia. Elisabetta Tiveron, dialogando con Piero Brunello, parlerà de “La prostituzione a Venezia nell’Ottocento. Le dominazioni straniere (1797-1866), Helvetia Editrice 2015.  Presenta Daniela Rossi. L’incontro è in programma martedì 28 maggio, ore 18.00, presso la libreria in via Gerlin 5 a Mestre. Ingresso libero fino a esaurimento posti disponibili (max 20). Si consiglia la prenotazione.

Informazioni info@labottegadimanuzio.com | 347 3386715.

La rassegna «Voci di Mestre» si è aperta il 7 maggio con Maurizio Dianese e il suo «Doppio gioco criminale. La vera storia del bandito Felice Maniero», proseguendo il 14 maggio con Massimo Orlandini parlando di «Porto Marghera come prodotto e i prodotti di Porto Marghera» e, il 21 maggio, con Stefano Pittarello e il suo «Il sacco bello». Quattro autori mestrini raccontano, tra cronaca e storia, il nostro territorio per poi chiacchierare e confrontarsi fra passato, presente e futuro.

Il libro

Con la caduta della Serenissima (1797) e la dominazione francese, poi seguita da quella austriaca, inizia per Venezia il periodo forse più decadente della sua storia millenaria: tra la povertà sempre più evidente e lo stravolgimento dei fastosi costumi sociali che avevano caratterizzato la città, anche nell'ambito della prostituzione si percepisce il nuovo clima oppressivo con un incremento delle norme comportamentali e dei controlli igienico-sanitari, nonché della gestione puramente fiscale dei lupanari. Finita l'epoca delle cortigiane colte che avevano affascinato re e viaggiatori, inizia quella delle poverette mal tollerate e talvolta problematiche, spesso ad un passo dalla criminalizzazione o dall'espulsione dalla città. Elisabetta Tiveron, attraverso lo spoglio della documentazione d'archivio, l'analisi della distribuzione delle case di tolleranza e le vicende giudiziarie di alcune prostitute, ricostruisce un ambito ancora poco noto della storia ottocentesca veneziana.


Elisabetta Tiveron, laureata in storia contemporanea, affianca l’attività di scrittrice a quella di consulente culinaria. Autrice di numerose pubblicazioni, ama ricercare, raccogliere e raccontare storie, viaggiare, incontrare, scoprire, condividere. “La prostituzione a Venezia nell’Ottocento” è il suo primo libro dedicato esclusivamente alla ricerca storica. 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 20/08/2019
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.