Dal 25/01/2020 al 26/01/2020
Palazzo Grimani

Il giardino dei Finzi-Contini

una fiaba moderna della Shoah

grimani_shoah

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

In occasione della Giornata della Memoria 2020 e del ventesimo anniversario della morte dello scrittore ebreo Giorgio Bassani, il Museo di Palazzo Grimani è lieto di invitarVi ai seguenti appuntamenti:

Sabato 25 gennaio 2020 dalle ore 16:30 alle 18:00

Laboratorio per ragazzi

Il giardino dei Finzi-Contini: una fiaba moderna della Shoah

I partecipanti saranno guidati alla scoperta delle principali sale del palazzo ripercorrendo le tappe salienti del romanzo Il giardino dei Finzi-Contini.

L’autore sceglie di far rivivere la più grande tragedia del Novecento ai suoi lettori creando quello che viene definito “un universo fiabesco contemporaneo” in cui l’eroe protagonista compie un percorso di crescita affrontando le diverse prove che la vita, alla vigilia della promulgazione delle leggi razziali, gli offre. In questo mondo il giardino dei Finzi-Contini acquisisce un ruolo chiave: un’isola felice, isolata e sicura ma destinata inesorabilmente, come la famiglia stessa, a essere spazzata via dalla follia delle persecuzioni ebraiche.

Alla fine della visita a ciascun ragazzo verrà proposto di immaginare il proprio “giardino”, spunto per ricordare il passato e ragionare sull’odio, diversità e difficoltà di integrazione che riecheggiano ancora oggi nella nostra quotidianità.

Età 8-12 anni

Numero massimo di partecipanti: 12

Biglietto gratuito per i partecipanti + ridotto speciale un accompagnatore (salvo gratuità di legge)

Domenica 26 gennaio dalle ore 17 alle 18:30

Pomeriggio di letture

Il giardino dei Finzi-Contini: un dialogo con la Shoah veneziana

L’incontro è stato ideato per offrire l’opportunità di approfondire la conoscenza del capolavoro di Giorgio Bassani Il giardino dei Finzi-Contini, portato all’attenzione del grande pubblico dall’omonimo film di Vittorio De Sica (1970).

L’autore risponde al trauma dell’esclusione e distruzione dell’Olocausto con un romanzo della “memoria” che mira a ricostruire un passato che non voleva vedere cancellato. L’opera finisce così per unire le peripezie del giovane io narrante innamorato dell’irraggiungibile Micol con il divenire della storia, pronta a sconvolgere inesorabilmente un mondo sereno e spensierato, metaforicamente rappresentato dal rigoglioso e sicuro giardino dei Finzi-Contini in cui il protagonista viene accolto in seguito alla promulgazione delle leggi razziali del 1938.

Per rendere più vicino e concreto il ricordo dell’assurda violenza della Shoah, in base ad assonanze tematiche, brevi passi tratti dall’opera di Bassani verranno affiancati all’interpretazione di testimonianze che ricostruiscono le drammatiche vicende dei sopravvissuti veneziani dai primi anni di persecuzione e guerra fino al traumatico ritorno alla vita.

Legge Carlotta Ballarin.

Intermezzi musicali a cura della SMAV Scuola di Musica Antica Venezia.

Ingresso gratuito con posti limitati

Giorgio Bassani nasce a Bologna nel 1916 in una famiglia dell’alta borghesia ebraica e cresce a Ferrara, città che diventerà l’ambientazione prediletta delle sue opere.Conseguita la laurea in Lettere nel 1939, decide di unirsi alla resistenza partigiana, scelta che gli costerà la reclusione in carcere per alcuni mesi. Terminata la guerra si trasferisce a Roma dove si dedica in maniera assidua all’attività letteraria lavorando sia come scrittore che come editore.

Nel 1955 fonda l’associazione Italia Nostra per salvaguardare il patrimonio artistico, culturale e naturale italiano, di cui diventa presidente dal 1965 fino al 1980. Muore nel 2000 a Roma dopo una lunga e travagliata malattia.

Oltre a Il giardino dei Finzi Contini, degne di nota sono Le cinque storie ferraresi, racconti volti alla raffigurazione della vita ferrarese, e Gli occhiali d’oro dove l’omosessualità viene affrontata come causa di emarginazione sociale.

La prenotazione è obbligatoria per entrambe le attività al numero 0412411507 o per email a pm-ven.grimani@beniculturali.it

Museo di Palazzo Grimani - Polo Museale del Veneto
Castello 4858 - Ruga Giuffa (Campo S. Maria Formosa)
30122 Venezia
Tel.: 041 24 11 507

Prezzo

Raggiungi l’evento

esempio: 25/06/2020
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.