Dal 19/02/2024 al 23/02/2024
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Febbraio all'Ateneo Veneto

marcopolo

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Michela Alliata e una storia veneziana
Lunedì 19 Febbraio 2024 18:00 - Sala Lettura

Programma accademico

Presentazione del libro

Senza preavviso. Una storia veneziana
di Michela Alliata (Milano, Mimesis Edizioni 2023)

Isabella Panfido dialoga con l’autrice
Gianni De Luigi legge alcuni brani

Saluto di Antonella Magaraggia, Presidente Ateneo Veneto

Costretto al prepensionamento sulla soglia della boa fatidica dei sessant’anni, un bancario veneziano precipita nella disperazione, si sente senza più prospettive e speranze, trascinato verso “un abisso mai immaginato se non per gli altri”. Ma un evento inaspettato darà una svolta imprevedibile e gioiosa alla sua esistenza. Al cuore del romanzo, ambientato in una Venezia raccontata dal di dentro e ritmato da numerosi colpi di scena e da un epilogo emozionante, sono il rimpianto per le occasioni mancate, il sentimento del tempo, la genitorialità, l’amicizia, e soprattutto il ruolo giocato dal caso. È proprio il Caso infatti il regista di questa storia che rivela come l’autunno della vita possa riservare momenti inattesi di trasformazione e di felicità. Un libro attento alle psicologie dei personaggi, che esplora con leggerezza temi di grande attualità.

Michela Alliata è docente di letteratura inglese presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Ha scritto sul romanzo contemporaneo e su quello dell’Ottocento, la poesia modernista, la fotografia, il cinema, e più recentemente sulla narrazione del trauma. Ha curato diversi volumi sul fantastico e tradotto Green Tea di J. Sheridan Le Fanu. Nel 2012 è uscito il suo primo romanzo Come pelle di bambù (Edizioni Pendragon).

Mercoledì dell’Architettura: Venezia incompiuta – III lezione

Mercoledì 21 Febbraio 2024 17:30 - Aula Magna

Programma accademico

I MERCOLEDI’ DELL’ARCHITETTURA
Venezia incompiuta: tra ricerca di identità e modelli internazionali

Tra progetti napoleonici ed età romantica
Relatore: Guido Zucconi, storico dell’Architettura

Marco Polo e il Gran Kan
Nel segno di Marco Polo – Un progetto internazionale: l’edizione dei documenti relativi a Marco Polo

Giovedì 22 Febbraio 2024 17:00 - Sala Lettura

Programma accademico

Ateneo Veneto, MarcoPolo700

Ciclo di incontri
Nel segno di Marco Polo: Venezia 1324-2024

Presentazione del Codice Diplomatico Poliano
Relatore: Andrea Nanetti, Nanyang Technological University di Singapore

Il Codice Diplomatico Poliano (CDP) è un progetto scientifico internazionale che intende raccogliere tutti i documenti d’archivio relativi alla figura di Marco Polo – coevi o più tardi, sparsi tra i protocolli dei notai o i registri dei cancellieri – e che comprende riproduzioni fotografiche multispettrali, edizioni critiche uniformi, riferimenti archivistici aggiornati e riassunti in tre lingue (italiano, cinese, e inglese) che verranno messi a disposizione degli studiosi di tutto il mondo.
Il Codice Diplomatico Poliano utilizza due criteri principali di selezione per determinare quali documenti includere. In primo luogo vengono considerati i documenti che forniscono informazioni su Marco Polo e sulla sua famiglia; in secondo luogo, vengono presi in considerazione solo i documenti che sono già stati pubblicati o che sono stati accettati per la pubblicazione entro la fine del 2023.
Realizzato su iniziativa dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, in collaborazione con l’Archivio di Stato di Venezia e la Biblioteca Nazionale Marciana, il progetto del CDP si avvale di un’autorevole squadra di studiosi medievisti provenienti dal mondo degli Archivi e delle Università, coordinati proprio da Andrea Nanetti, docente presso la Nanyang Techonological University di Singapore, esperto riconosciuto a livello internazionale di Digital Humanities, le cui competenze spaziano dalle scienze umanistiche a quelle matematiche, fisiche e computazionali.


Ateneo per la Città | Di chi sono i centri storici? / 3 – La residenza dei lavoratori
Venerdì 23 Febbraio 2024 17:30 - Aula Magna

Programma accademico

Incontro pubblico
Di chi sono i centri storici? / 3
La residenza di chi lavora nelle istituzioni veneziane

Coordina Antonella Magaraggia, Presidente Ateneo Veneto

Interventi: Stefano Maria Cerillo, avvocato distrettuale dello Stato
Dove risiedono i lavoratori della Pubblica Amministrazione?

Carlo Citterio, presidente della Corte di Appello di Venezia
La residenza della Giustizia nel centro storico di Venezia e i suoi lavoratori: le condizioni per permettercelo

Andrea Erri, direttore generale della Fondazione Teatro La Fenice
La vita da vivere per chi lavora al teatro La Fenice

Fulvio Lino Di Blasio, presidente dell’Autorità portuale di Venezia
I lavoratori del Porto di Venezia

“Ateneo per la città” è un ciclo di incontri pubblici ideato dall’Ateneo Veneto per affrontare e dibattere, a beneficio del pubblico, temi rilevanti che riguardano Venezia, ma che accomunano anche altre città a vocazione turistica. Coordinati da un gruppo di lavoro dedicato, gli incontri hanno visto relatori qualificati confrontarsi e analizzare tematiche come le smart city e il ruolo del telelavoro, il cambiamento climatico nelle aree costiere, la tutela della laguna e la Legge Speciale per Venezia, solo per fare alcuni esempi.
“Di chi sono i centri storici?” tocca da vicino le sorti della residenzialità in città come la nostra a spiccata vocazione turistica.
Dopo l’incontro del 30 ottobre 2023 sulla Residenza turistica, quello del 30 gennaio 2024 sulla Residenza universitaria, il terzo appuntamento del ciclo riguarda questa volta i problemi della residenzialità a Venezia per i lavoratori impiegati nelle principali istituzioni veneziane.

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 24/06/2024
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.