08/03/2023 Ora 17:00
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

DonnAteneo

ateneo-veneto

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Mercoledì 8 marzo 2023 – ore 17.00

DONNATENEO - MARZO DONNA

Aula Magna dell’Ateneo Veneto – Venezia

I diritti violati delle donne: la realtà afghana, iraniana e kurda

Introduce e coordina Antonella Magaraggia, Presidente Ateneo Veneto

Saluto di Renata Mannise, portavoce Commissione Elette Municipalità Venezia Murano Burano

Relazioni di
Kamin Mohammadi, scrittrice, intellettuale e giornalista iraniana e kurda, con Gianni Dubbini Venier

Marco Niada, giornalista, presidente Comitato Arghosha Faraway Schools

Letture della poetessa iraniana Maryam Amirfarshi

Proiezione del video
“Donna   Vita   Libertà”. Da Venezia la voce delle donne iraniane e kurde sulle rivolte scoppiate in Iran dopo la morte di Mahsa Jina Amini
Un documentario di Giovanna Pastega
Riprese e montaggio Andrea Basso; assistente tecnica Francesca Pezzo

Sempre attento alle tematiche di stretta attualità, con una sensibilità particolare per la condizione femminile, l’Ateneo Veneto propone per la giornata dell’8 marzo una riflessione sui diritti violati delle donne in Iran e in Afghanistan, paesi in cui i regimi islamici hanno cancellato la libertà e negato i diritti dei singoli.
In Iran proseguono le proteste  e le manifestazioni scoppiate dopo la morte di Mahsa Jina Amini, la giovane fermata e picchiata dalla polizia morale per non aver indossato correttamente il velo islamico, ma la repressione ordinata dal governo degli ayatollah è sempre più dura.

L’appuntamento all’Ateneo Veneto,  che rientra nel programma del Marzo-Donna del Comune di Venezia, darà l’opportunità di ascoltare la testimonianza di Kamin Mohammadi, giornalista iraniana fuggita con la famiglia dall'Iran durante la rivoluzione di Khomeini del '79, esule nel Regno Unito. Kamin è un'attivista per i diritti umani e per donne iraniane. Per i suoi contributi giornalistici ha ottenuto due importanti riconoscimenti come l'Amnesty International Human Rights in Journalism Award sul suo lavoro sulle vittime delle armi chimiche in Iran e anche il prestigioso premio della American Society of Magazine Editors per il migliore saggio sull'Iran.

Altra testimonianza, portatrice di un messaggio di speranza e di possibilità di rinnovamento, verrà dal giornalista Marco Niada, già corrispondente de Il Sole 24 Ore a Londra, dove attualmente risiede. Da una decina d’anni Niada si occupa di problemi di sviluppo ed è presidente del Comitato Arghosha Faraway Schools, una charity che finanzia progetti di educazione in Afghanistan. Dal 2005 a oggi Arghosha ha finanziato la costruzione di 13 scuole (per oltre 5000 alunni, di cui 3500 femmine), la riqualificazione di 300 insegnanti, 20 borse di studio universitarie femminili e l’alfabetizzazione di 500 donne nella province di Bamiyan e Daikundi.

Concluderà l’incontro la proiezione in prima assoluta del documentario “Donna Vita Libertà” ideato e diretto da Giovanna Pastega con le riprese e il montaggio di Andrea Basso e l’assistenza tecnica di Francesca Pezzo.
Da Venezia, da secoli luogo di incontro tra culture e popoli, questo docufilm vuole portare all’attenzione internazionale la voce di tre donne iraniane e kurde contro la violenza, il loro racconto delle proteste scoppiate in Iran,  il loro timore per le ritorsioni verso la famiglia e gli amici, il loro desiderio di libertà, di parità e di una società più giusta.
Tre voci diverse, ma un unico grido di libertà per tutte le donne: ecco allora susseguirsi nel documentario la voce di “una figlia dell’Iran” rimasta anonima per timore di ritorsioni sulla sua famiglia; e poi di una giovane e appassionata studentessa kurda-iraniana, Snour Nishat, arrivata in Italia da soli sei mesi e già molto attiva in sostegno della protesta: ed infine di una donna kurda-irachena, Gulala Salih, attivista per i diritti dei bambini e delle donne e presidente della Associazione Udik (Unione Donne Italo Kurde. )
Dai loro racconti, il profilo di un paese in fermento e di una società che vuole cambiare veste e soprattutto il ricordo di Jina Amini e la speranza che la sua morte e le tante altre, di cui il regime iraniano si è macchiato, possano servire come monito per continuare quella che in molti hanno già definito una rivoluzione in nome della donna, della vita e della libertà.
Giovanna Pastega è nata e vive a Venezia. Giornalista professionista, è stata la prima direttrice donna di Antenna Tre Nord Est, ruolo che ha ricoperto per 12 anni. Attualmente collabora alla pagina di cultura del “Piccolo di Trieste”. Ha ideato e condotto numerosi format televisivi e radiofonici. È autrice e regista di documentari su temi culturali e sociali. È l’ideatrice per il Sindacato dei Giornalisti del Veneto del “Manifesto di Venezia” per il rispetto e la parità di genere nell’informazione. Come Consigliera Accademica dell’Ateneo Veneto ha promosso il Progetto “L’Ateneo dei giovani”.

 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 16/06/2024
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.