04/11/2021 Ora 18:00
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

La dea stanca. Vita di Lina Bo Bardi

dea-stanca

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Presentazione del volume
La dea stanca. Vita di Lina Bo Bardi
di Zeuler Rocha Lima (Monza, Johan & Levi Editore 2021)

L’autore dialoga con Roberto Dulio e Francesca Molteni

Ingresso libero con Green Pass fino a esaurimento posti

Nell’anno del Leone d’Oro speciale alla memoria alla Biennale di Venezia, Johan & Levi Editore pubblica la prima biografia di Lina Bo Bardi.
"La dea stanca" di Zeuler R. Lima ripercorre l’avventura professionale e umana di una donna straordinaria che ha sfidato le convenzioni sociali e intellettuali della propria epoca.
Originale e autorevole architetta del XX secolo, Lina Bo Bardi è stata anche una designer, curatrice e scenografa: i suoi edifici più celebrati – il MASP (Museu de Arte de São Paulo), la Casa de Vidro e il SESC Pompéia – rispecchiano l’idea di un’architettura d’avanguardia e anticonvenzionale, che pone al centro la collettività, il rapporto con la natura e con la tradizione vernacolare, temi oggi più che mai attuali.
Il libro, corredato di 41 fotografie in bianco e nero e 10 disegni acquerellati, è il risultato di vent’anni trascorsi a studiare, scrivere e curare mostre sulla vita e l’opera di questa donna coraggiosa e perspicace, che ha attraversato le proprie contraddizioni senza timidezze, oscillando tra impulsi rivoluzionari e un temperamento malinconico.

Biografia
Nata a Roma nel 1914 Lina si laurea in architettura con Marcello Piacentini per poi trasferirsi a Milano nel 1940 e lavora a stretto contatto, tra gli altri, con Carlo Pagani e Bruno Zevi.
Ribelle solitaria dal carattere audace e irascibile – che le valse l’epiteto «la dea stanca», coniato da Valentino Bompiani – Lina farà tesoro dell’esperienza milanese.
Ma è in Brasile che Bo Bardi, giunta nel 1946 insieme al marito Pietro Maria Bardi, porta a maturazione la sua originale voce di progettista attraverso una carriera lunga e ricca di sfaccettature, traducendo nel pensiero e nella prassi una formazione poliedrica.

Zeuler R. Lima è ricercatore, artista, designer, curatore e professore di architettura presso la Washington University di Saint Louis, Missouri. Nel 2007 ha ricevuto il Premio Bruno Zevi per la storia e la critica dell’architettura.
A Lina Bo Bardi ha dedicato un saggio biografico (Yale Press, 2013) e volumi quali Lina Bo Bardi, Drawings (Princeton University Press, 2019) e Lina Bo Bardi Dibuja/Dibuxa (Fundació Joan Miró, 2019), che hanno accompagnato le retrospettive da lui curate.

Roberto Dulio è professore associato di Storia dell’architettura al Politecnico di Milano. Si occupa della cultura architettonica moderna e contemporanea e dei suoi rapporti con l’arte e la fotografia.

Francesca Molteni produce e dirige format televisivi, documentari, video e installazioni e cura mostre di design. Nel 2009 fonda a Milano MUSE Factory of Projects, una casa di produzione specializzata in contemporaneo, design e architettura. 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 29/11/2021
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.