05/12/2021 Ora 11:00
Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti

Antonio Scurati - Lectio magistralis

Mussolini fascista e populista

antonio-scurati

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

209° Anno Accademico Cerimonia di Chiusura

Lectio magistralis di Antonio Scurati

Mussolini fascista e populista

Venezia - Ateneo Veneto, Aula Magna

Domenica 5 dicembre 2021 – ore 11.00

Introduce Gianpaolo Scarante, Presidente dell’Ateneo Veneto

Domenica 5 dicembre 2021 alle ore 11.00 si terrà la cerimonia di chiusura del 209° Anno Accademico dell’Ateneo Veneto. La lectio magistralis, dal titolo “Mussolini fascista e populista” è affidata quest’anno allo scrittore Antonio Scurati, autore di “M. Il figlio del secolo” (Premio Strega 2019), al quale ha fatto seguito “M. L'uomo della provvidenza”, seconda parte di una trilogia dedicata alla figura di Benito Mussolini.

Ad accogliere nell’Aula Magna il relatore e le Autorità invitate saranno il Presidente dell’Ateneo Veneto, Ambasciatore Gianpaolo Scarante e il Comitato di Presidenza.

Nel corso della cerimonia verrà apposta nell’Aula Magna dell’Ateneo la targa commemorativa in ricordo dei Soci che furono ingiustamente espulsi dall’Ateneo Veneto a seguito delle leggi razziali del 1938 emanate dal regime fascista.

La targa avrebbe dovuto essere affissa lo scorso gennaio, nell’ambito delle iniziative per il Giorno della Memoria 2021 ma a causa dell’emergenza sanitaria l’evento è stato posticipato.

Ora che le porte dell’istituto sono nuovamente aperte al pubblico, la targa verrà finalmente apposta alla presenza dei rappresentanti della Comunità ebraica di Venezia e del Comune di Venezia, che hanno condiviso lo spirito dell’iniziativa.

E’ prevista anche la proclamazione ufficiale dei Soci dell’Ateneo Veneto eletti nel 2019.

La cerimonia è l’ultimo evento pubblico del Presidente Scarante, giunto al termine del suo quadriennio alla guida dell’Ateneo Veneto, il più antico istituto culturale di Venezia (1812-2021).

ANTONIO SCURATI

Antonio Scurati è nato a Napoli nel 1969 ed è cresciuto a Venezia. Docente di letterature comparate e di creative writing alla IULM di Milano, i suoi libri sono tradotti in 40 Paesi e hanno ricevuto i principali premi letterari italiani. Ha esordito nel 2003 con «Il rumore sordo della battaglia», poi nel 2005 ha pubblicato «Il sopravvissuto» con il quale ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello.

Del 2007 è «Una storia romantica» (Premio Super Mondello) mentre nel 2015 dà alle stampe «Il tempo migliore della nostra vita», vincitore sia del Premio Viareggio sia, per la seconda volta, del Premio Selezione Campiello.

Dopo anni di ricerche, nel settembre del 2018 ha dato alle stampe «M – Il figlio del secolo», primo volume di una trilogia romanzesca su Benito Mussolini, che è rimasto per un anno nella classifica dei libri più venduti, ha suscitato un vasto dibattito internazionale ed è stato insignito del Premio Strega.

Nelle sue vesti di ricercatore Antonio Scurati si è occupato a lungo delle rappresentazioni della guerra nella tradizione occidentale, degli influssi sociali delle esperienze storiche e mediatiche di violenza estrema ed eventi traumatici.

La sua attenzione di scrittore e di studioso si è sempre dedicata, inoltre, ai temi della competizione tra cronaca e storia, del rapporto tra cultura letteraria e cultura mediale, dell’educazione delle nuove generazioni, delle residue possibilità di trasmissione in forme nuove della nostra tradizione culturale e delle mutazioni all’interno della vita famigliare e sentimentale.

 

 

Prezzo
Free

Raggiungi l’evento

esempio: 02/10/2022
Booking.com

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.