21/01/2016 Ora 17:00
Fondazione Querini Stampalia

Andrea Schiavone tra '500 e '600

Conferenza

Ricordamelo con una mail

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per essere avvisato prima dell’inizio dell’evento

Descrizione

Commenti, letture e… un’intervista a sorpresa con Enrico Maria Dal Pozzolo e Margherita Stevanato

Un artista “fuori dal coro”, affascinante e moderno, ammirato da Tintoretto, da Carracci e da El Greco, sul quale si fa finalmente il punto dopo decenni di studi e ricerche, con la mostra 'Splendori del Rinascimento a Venezia. Andrea Schiavone tra Parmigianino, Tintoretto e Tiziano’, al Museo Correr fino al 10 aprile 2016.

Un linguaggio pittorico, quello dello Schiavone (1510 c. – 1563), nuovo e spregiudicato, tanto che l’artista, già pochi anni dopo l’arrivo a Venezia, forse intorno al 1535, spaccò l’opinione pubblica e la critica: chi come l‘Aretino lo stimava e gli era amico, chi come il Pino non nascondeva il suo disprezzo.

A corollario della mostra, giovedì 21 gennaio, alle ore 17, in Fondazione Querini Stampalia, Enrico Maria Dal Pozzolo - curatore dell'esposizione assieme a Lionello Puppi - e l'attrice Margherita Stevanato con Andrea Schiavone tra ‘500 e ‘600.

Commenti, letture e… un’intervista a sorpresa agganceranno testi e opere, vivificandole con la magia della parola e illuminandone i dettagli preziosi. Alla fine un ospite a sorpresa, direttamente dal passato: un eccentrico, brillante personaggio verrà intervistato su Schiavone e sulla pittura veneziana della sua epoca ... Sarà anche l’occasione per riscoprire un’opera del maestro dalmata, che fa parte delle raccolte della Fondazione Querini Stampalia e ora in mostra al Museo Correr: la Conversione di san Paolo: un’opera di enormi dimensioni (205x265 cm), che costituisce uno dei punti centrali della sua produzione giovanile.

Della vicenda biografica di Andrea Schiavone si sa pochissimo: si può ben dire che fino al 1548, quando for - se era alle soglie dei quarant'anni, non abbiamo alcuna informazione sicura su di lui e si possono fare solo ipotesi. Nel 1548 esplode una polemica a Venezia sul suo fare pittorico di 'macchia', che entusiasma alcuni e inorridisce altri. Fino al 1563, anno della morte, qualche raro documento ce lo mostra attivo a Venezia (nelle chiese dei Car - mini e di San Sebastiano, nella sala sansoviniana della Libreria marciana, a Palazzo Ducale), ma la sua figura è avvolta nel mistero. Quando muore, lascia erede universale la moglie Marina: non ha allievi diretti cui affidare l'attività; il fratello Marc'Antonio - pittore attivo a Zara - non è neppure nominato. Probabilmente la bot - tega viene chiusa e i materiali dispersi.

Da quel momento le notizie su di lui sono scarne e frammentarie e ancora dividono. Da una parte Vasari nelle Vite ne dà un profilo breve e impreciso, sminuente; dall'altra a difenderlo sono grandi artisti come El Greco e Annibale Carracci e scrittori veneziani come Gigli, Ridolfi e Boschini. La mostra al Museo Correr è un'occasione unica per valutarne la produzione di pittore, incisore e disegnatore, con pezzi straordinari che ne attestano il livello altissimo nel panorama della pittura veneziana della metà del '500.

 

Informazioni aggiuntive

Biglietto: entrata libera

Raggiungi l’evento

esempio: 15/11/2018

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Dettaglio orari e date

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.