Medicina Popolare a Venezia

Rimedi di una volta

Medicina Popolare a Venezia e i rimedi di una volta...

El Sangioto

- Se beve sete sorsi de aqua senza tirar el fià, e se presenta a la boca un limon intiero, e el sangioto stralassa.

- Tanti, invesse, perchè el ghe stralassa, i se fa suzo 'na manega e i dise per tre volte, tuto su un fià: "sangioto, va in pozzo, va in pièla, va in boca de to sorela".

- El stralassa anca quando un'altra persona fa irabiar quela che lo ga, o ghe fa qualche paura.

- Tre giorni avanti che uno mora ghe vien el sangioto, e se dise che ghe schiopa el cuor.

 

El Ganfo:

- I mete una ciave in tera e i ghe pusa sora la pianta nua.

- I se liga la gamba, su la pupola, co una cordela rossa de lana.

- i tien in scarsela tre maroni selvadeghi.

- I se mete na ciave drento na calza.

- I mete, se i xe in leto, le gambe in crose, e i le tien cussì ben ferme.

- E chi frega e fa crose, frega e fa crose.

- Quei che va a nuar, perchè no ghe ciapa el ganfo, tol un toco de spago e i se liga i finimenti dei brazzi e de le gambe.

 

 

Le Buganze:

"Perché no le schiopa,

- chi le onze col grasso de gato,

- chi ghe tien suzo na pezza bagnada ne l'aquavita e sal,

- chi le lava matina e sera col pisso,

- e chi, infin, le bagna col sugo de limon e sal.

Se po le fa le piaghe,

- alora i tol na pezza de lin, i la onze col grasso de castradina e i la frega ben co la semola bianca e i la mete sora le piaghe:

sta pezza le fa spurgar, e, co' xe terminà el spurgo, la le fa secar.

 

Maroide
La vien a star sentai su le careghe de pagia, e quei che stà sentai sul legno no le patisse.

- Chi ga le maroide tol aqua salsa, e i la fa scaldar ben ben, e po i la buta su la comoda, e i se ghe senta suzo e i sta là: quel fumo le molifica e le fa infiapir.

- Ghe xe anca chi tol erba recèla (carciofo selvatico), e i la pesta ben, e i la tien sora le maroide; e anca questa le fa infiapir.
- Ghe xe chi le onze co la spuacia che fa le legne verde sul fogo.
- Tanti, infin, se tien in scarsela uno o do maroni selvadeghi: man in man che sti maroni se scorza, va via secandose anca le maroide, perché i maroni porta via quel riscaldo.

El proverbio peraltro dise: “Omo maroidario, omo otagenario”, e cussì no va ben farle andar via, perché le maroide xe un sfogo de sangue che fa tanto ben.

Per quei che perde tanto sangue, o che ga le maroide per de drento, no ghe se tanto quanto le seole bianche, cusinae soto la çenere.

Basta che i ghe ne magna do o tre al giorno, e seguitar quindese o vinti giorni; e queste rinfresca, tien neto el corpo e fa tanto ben.
Un goto de aqua de seole, la matina, a digiun, fa istesso.

 

Cali e peoci polini

L’erba recèla (carciofo selvatico) xe l’erba per i cali:

- Se ghe ne tol una fogia, la se pela de soto e de sora, e se la mete sul calo, e questo vien via.

- L’erba de San Zuane (salvia sclarea) fa istesso, e bisogna prima lassarla in fusion ne l’azeo per vintiquattro ore;

- e tanti po ghe tien suzo una fetina de limon, e cussì el calo se molifica e el casca apena che se ghe va a drio co l’ongia.
I dise che el remedio per i cali xe la britola o ‘l rasador, e che le erbe xe una sempiada, ma a tagiarli se se pol rovinar, e s’à visto più de uno che per un calo ga lassà la pele.

Per i peoci polini, che vien fra i dei, basta carta da risi suta messa fra i dei:

- i peoci se suga e se seca, e alora i se cava.

Se no fa ben la carta da risi, se mete sul peocio polin un poco de bombaso vergine bagnà ne l’ogio de mandole, e cussì el se mola e el vien via co la ràise.

 

Fonti: "Tradizioni popolari veneziane - medicina" D.G. Bernoni, 1878

Foto di Tomaso Filippi

 

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.