Dream of Venice Architecture

Recensione

dream-venice-stones-venice

L’architettura veneziana attraverso gli occhi del visitatore

Dream of Venice Architecture si inserisce perfettamente nel solco illustre di Stones of Venice di John Ruskin: il fecondo stupore dello straniero di fronte allo spettacolo dell’architettura veneziana.

Vi è infatti una tradizione secolare di architetti e storici dell’architettura che ha trovato in Venezia un’alleata e una musa per espandere la propria creatività.

Con questa consapevolezza e proiettando questa storia millenaria nell’attualità, il geniale progetto editoriale di JoAnn Locktov invita alcune delle figure più importanti dell’architettura contemporanea, come Mario Botta o Tadao Ando, a raccontare la loro personale relazione artistica con la città.

Le bellissime fotografie di Riccardo De Cal accompagnano il lettore tra le ‘molte venezie’ che vengono raccontate, diverse l’una dall’altra come diverse sono le sensibilità artistiche che le percepiscono.

“For the Venetians, past, present and future”

Colpisce che un libro sulle pietre sia dichiaratamente dedicato ai viventi, in questo caso i veneziani. In Dream of Venice, l’incontro tra l’architettura e la vita avviene alla Fondazione Querini Stampalia, a cui sono destinati parte degli introiti derivati dalla vendita del libro stesso.

Qui il dialogo architettonico tra passato e attualità dell’architettura a Venezia è magistralmente realizzato, con gli interventi di Scarpa, Pastor e Botta in rapporto dinamico con l’edificio cinquecentesco.

Dream of Venice è quindi un libro che esula dalla semplice descrizione storica o contemporanea di Venezia: è un prodotto della vitalità culturale stessa di Venezia, ancora feconda nonostante le molte difficoltà.

Sponsorizzato da

Attendere prego...

Disclaimer

I testi e le immagini inserite nei post sono solo in parte opere degli autori degli articoli e loro proprietà.

Immagini e testi sono talvolta tratte dal web indicando, dove possibile, fonte e autore e vengono pubblicate per scopi esclusivamente illustrativi, nel rispetto del comma 1-bis dell’articolo 70 della legge n. 633 del 22 aprile 1941, “Protezione del diritto d’autore e di altri diritti connessi al suo esercizio”.
Qualora la loro pubblicazione violasse specifici diritti di autore, si prega di comunicarlo per la tempestiva rimozione.